Lavoro, vietato l’impiego prima dei 16 anni

La novità scaturita dalla Finanziaria è stata confermata dalla nota del ministero del Lavoro n. 9799/2007.
L’intervento ministeriale ha evidenziato, per prima cosa, che il principio fissato dalla legge del 1967 di collegare l’accesso al lavoro all’assolvimento dell’obbligo scolastico è diretta conseguenza del dettato costituzionale.

Un principio che, come ha evidenziato la nota, è fatto proprio dalla legge finanziaria, laddove si afferma che l’innalzamento dell’obbligo d’istruzione ad almeno 10 anni determina come conseguenza l’aumento da 15 a 16 anni dell’età per l’accesso al lavoro.

Il documento si chiude, infine, con una nota operativa. Viene precisato che, indipendentemente dall’entrata in vigore della Finanziaria, avvenuto lo scorso 1° gennaio, solo dal 1° settembre decorre l’innalzamento a 16 anni dell’età di ingresso al lavoro per minori. Mentre fino al 31 agosto tale età rimane ferma 15 anni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro, vietato l’impiego prima dei 16 anni