Lavoro: stabile meno del 10% dei nuovi occupati

I dati Istat certificano una volta di più che il Jobs act non ha incentivato il lavoro stabile

Dei nuovi contratti di lavoro, solo una quota inferiore al 10% è stabile. Dei circa 326mila contratti sottoscritti negli ultimi 12 mesi, da settembre 2016 a settembre scorso, quelli a tempo indeterminato sono appena 26mila pari a circa l’8% del totale.

Questi i dati diffusi dall’Istat secondo cui a settembre gli occupati sono sostanzialmente stabili rispetto ad agosto (+2 mila), dopo la crescita degli ultimi mesi.

Secondo Giovanni Ferrara, presidente di Unimpresa, “siamo di fronte a un altro, pericoloso effetto della crisi e della recessione: le imprese non hanno fiducia nel futuro, mancano le prospettive e quindi le assunzioni sono solo a tempo determinato”.

Leggi anche:
Lavoratori dipendenti, bonus da 288 euro l’anno grazie alle nuove soglie
Manovra, dal Bonus 80 euro alle detrazioni, i punti più importanti
La Manovra cambia il digitale: il 90% dei televisori da rottamare
Pensioni: Si va verso lo stop all’uscita a 67 anni
Pensione a 67 anni. Boeri: una bella notizia
Ora è certo: dal 2019 si va in pensione a 67 anni

Lavoro: stabile meno del 10% dei nuovi occupati