Lavoro, Istat: si allarga gap tra uomini e donne su occupati istruiti

E' quanto emerge dal rapporto Istat sul benessere equo e sostenibile

(Teleborsa) E’ sempre una fotografia fatta di luci e ombre, tra ripresa e debolezze, quella che riguarda il mercato del lavoro. Se, infatti, da un lato prosegue il miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro italiano sia riguardo al tasso di occupazione (61,6%) sia per la mancata partecipazione (21,6%) dall’altro il dato negativo è che  la distanza con la media europea non si riduce. E’ quanto emerge dal rapporto Istat sul benessere equo e sostenibile.

Alcuni indicatori di qualità del lavoro evidenziano un miglioramento, soprattutto con riferimento all’incidenza dei lavoratori con bassa paga (-0,3 punti percentuali), alla permanenza in lavori instabili (+2,9 punti di occupati in lavori stabili) e ad aspetti soggettivi, legati all’insicurezza per il proprio posto di lavoro (-1,2 punti percentuali nella quota di occupati che temono di perdere il lavoro o di non poterne facilmente trovare uno simile).

AUMENTANO I “SODDISFATTI” – Anche la quota di coloro che si ritengono molto soddisfatti del proprio lavoro rimane stabile al valore del 2015, comunque superiore a quello del 2014; i punti di forza e di debolezza sono in stretta relazione con la tipologia lavorativa e con il regime orario. Andamenti diversificati si registrano nell’evoluzione delle differenze di genere: il gap tra uomini e donne si riduce per quanto riguarda la permanenza in lavori instabili e la bassa retribuzione mentre si amplia per la quota di occupati sovraistruiti. Costante, ma in ulteriore divaricazione rispetto alla media Ue, la quota di occupati in part-time involontario, che si colloca poco al di sotto del 12% e rimane particolarmente elevata tra le donne (19,1% contro 6,5% per gli uomini).

LA SITUAZIONE DELLE DONNE – Per la componente femminile segnali di difficoltà provengono anche dal rapporto tra il tasso di occupazione delle donne con figli piccoli e quello delle donne senza figli che, dopo cinque anni di aumento, torna a diminuire (da 78% a 76%) a seguito di una riduzione del tasso per le prime e di un aumento per le seconde.

GLI STRANIERI, MIGLIORAMENTO MA RESTA GAP MOLTO ELEVATO – Per gli stranieri tutti gli indicatori di qualità mostrano un miglioramento superiore a quello dei cittadini italiani, riducendo un gap che resta comunque molto elevato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro, Istat: si allarga gap tra uomini e donne su occupati istruiti