Lavoro fa sempre più rima con flessibilità: al via gli sgravi per i contratti che prevedono misure di conciliazione

Con una circolare l'Inps fornisce istruzioni sulle modalità di accesso. L'istanza on line dovrà essere presentata entro il 15 novembre prossimo

(Teleborsa) Sembra proprio che “lavoro” sia destinato a fare sempre più rima con flessibilità. Tempi di vita e tempi di lavoro: un equilibrio, difficile, ma possibile. Tanto in questo senso si è fatto e tanto c’è ancora da fare. Con qualche anno di ritardo, arrivano anche da noi sgravi e benefici per le imprese che favoriscono la conciliazione vita-lavoro. Un nuovo modello di lavoro, insomma, all’orizzonte che sembra venire sempre più incontro alle esigenze del lavoratore, in un’ottica di miglioramento per tutte le parti in gioco. Del resto, un lavoratore più sereno è sicuramente un dipendente più produttivo e motivato a fare sempre meglio. 
Nel frattempo, a  delineare i confini ci ha pensato l’Inps con la circolare n. 163/2017 che ha fornito istruzioni sulle modalità di accesso agli sgravi contributivi previsti per i contratti concilianti vita professionale e privata dal decreto interministeriale del 12 settembre 2017. L’erogazione delle risorse (in tutto circa 110 milioni di euro)  avverra in due fasi  ma ogni azienda potra usufruire una sola volta nel biennio 2017-2018:

I REQUISITI NECESSARI – Per accedere allo sgravio, ovviamente, bisognerà soddisfare alcuni requisiti:

  • le forme di conciliazione offerte con il contratto depositato devono riguardare almeno due tra gli istituti di conciliazione elencati nel decreto e almeno uno deve rientrare nelle aree di intervento genitorialità o flessibilità organizzativa;
  • il contratto aziendale deve riguardare almeno il 70% dei dipendenti;
  • i contratti collettivi aziendali devono essere sottoscritti e depositati telematicamente presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro tra il 1° gennaio 2017 e il 31 agosto 2018;
    possesso della regolarità contributiva attestata tramite il DURC;
  • rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.

DUE FASI – Dicevamo, dunque, due fasi.  La prima fase 2017 riguarda i contratti sottoscritti e depositati dal 1° gennaio 2017 al 31 ottobre 2017;
la seconda riguarderà i contratti sottoscritti e depositati dal 1° novembre 2017 al 31 agosto 2018.

COME PRESENTARE LA DOMANDA – I datori di lavoro devono inoltrare  la  domanda all’Inps, in forma telematica utilizzando il modulo “Conciliazione Vita-Lavoro”, all’interno della piattaforma “DiResCo – Dichiarazioni di Responsabilità del Contribuente”, sul sito internet dell’Istituto http://www.inps.it.Nel modulo di domanda dovranno essere inseriti i seguenti dati:

  • dati identificativi dell’azienda
  • data di sottoscrizione del contratto aziendale;
  • data di avvenuto deposito telematico del contratto presso l’Ispettorato territoriale del Lavoro territorialmente competente;
  • codice deposito contratto;
  • misure di conciliazione vita-lavoro previste nel contratto depositato;
  • dichiarazione di conformità del contratto aziendale alle disposizioni del decreto interministeriale del 12 settembre 2017.

I TERMINI PER PRESENTARE LA DOMANDA – Sempre la circolare chiarisce che il termine per la presentazione delle domande relative alla prima tranche scade il 15 novembre 2017 che riguarda, appunto, i contratti depositati tra il 1° gennaio 2017 e il 31 ottobre 2017.
Per i contratti depositati in data successiva i datori di lavoro dovranno attenersi alle istruzioni che l’Inps pubblicherà in seguito in relazione alle risorse stanziate per il 2018.

L’ammissione al beneficio avviene a decorrere dal trentesimo giorno successivo alla scadenza , ovvero il 16 dicembre 2017.

Lavoro fa sempre più rima con flessibilità: al via gli sgravi per i contratti che prevedono misure di conciliazione
Lavoro fa sempre più rima con flessibilità: al via gli sgravi per i ...