Lavoro e visite fiscali, nel primo trimestre aumentano i certificati di malattia

Cala, invece, il numero medio di giorni di malattia. Lo rende noto l'Inps

(Teleborsa) Aumenta il numero dei certificati di malattia nel primo trimestre del 2018, mentre cala il numero medio di giorni di malattia richiesti dai lavoratori. Lo rende noto l’Osservatorio sul Polo unico di tutela della malattia diffuso nella giornata di ieri dall’Inps, che prende in esame i dati relativi al 1° trimestre 2018.

I FURBETTI DEL CARTELLINO – Il dato prende in considerazione i dipendenti, pubblici o privati, che abbiano inviato certificati medici o siano stati sottoposti a visite di controllo effettuate dall’Istituto stesso. La relazione si inserisce nel c ontesto della “linea dura” adottata a seguito della riforma Madia per contrastare il fenomeno dell’assenteismo sul posto di lavoro.

AUMENTANO I CERTIFICATI, DIMINUISCONO I GIORNI DI MALATTIA – Nei primi tre mesi dell’anno 2018 si registra un incremento del numero dei certificati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. In aumento i certificati dei dipendenti del settore privato (12,4%), in totale 4,68 milioni per più di 28 milioni di giorni di malattia. Anche per ciò che riguarda i lavoratori pubblici il dato è in crescita del 3,1% con 1,89 milioni di certificati. Sono però diminuiti dell’1,1% i giorni di malattia totali.

TUTTI I NUMERI – La percentuale dei lavoratori con almeno un giorno di malattia sul totale dei lavoratori passa, nel settore privato, dal 23% del 2017 al 26% del 2018, con un incremento di tre punti percentuali, mentre nel settore pubblico passa dal 35% del 2017 al 36% del 2018. A livello territoriale si evidenzia una differenziazione per entrambi i settori con maggiore aumento al Nord (4,7% del pubblico rispetto al 14,2% del privato)<

Lavoro e visite fiscali, nel primo trimestre aumentano i certificati d...