Lavoro: lento recupero del mercato, ma resta il problema della disoccupazione giovanile

Secondo la Commissione europea, il mercato del lavoro dovrebbe riprendersi nel corso del 2011, trainato dai settori immobiliare e sanità

Ripresa fragile, stabile il livello di disoccupazione, nonostante la continua crescita di quella giovanile. L’ultimo bollettino di febbraio il Labour Market Fact Sheet – della Commissione europea conferma la persistente incertezza del quadro economico continentale, sicuramente minacciato dall’elevato numero dei giovani senza lavoro.

La disoccupazione giovanile, dopo un timida contrazione nel periodo maggio-agosto 2010, ha ricominciato a salire, fino ai livelli record di novembre. In Spagna ha toccato il 42,8%, in Slovacchia il 37,5%, in Irlanda il 29,1%, in Italia il 29%. Solo Germania e Belgio hanno evidenziato una sensibile riduzione del fenomeno.

Con l’inizio dell’anno il mercato del lavoro sembra avere imboccato la strada di un lento recupero. Secondo il Monster Employment Index la domanda di lavoro a livello europeo è cresciuta del 25% in gennaio trainata dal settore immobiliare, quello della sanità e dai lavori sociali. Lasciano il segno le manovre correttive degli Stati, visto che è in diminuzione l’occupazione presso le pubbliche amministrazioni.
Un altro segnale importante arriva dalle società di lavoro interinale: in aumento le richieste di lavoro temporaneo. Segno evidente di un generale recupero dell’attività produttiva, anche se l’opzione “temporaneo” mostra che tra le aziende regna ancora il timore e l’incertezza sul futuro.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro: lento recupero del mercato, ma resta il problema della disoccu...