Lavoro: a Milano 65% donne occupate, primato italiano

Ai livelli di capitali europee e davanti a Londra

(Teleborsa) Donne e lavoro, un binomio vincente in Italia, soprattutto nel Nord del Paese. Milano è infatti la prima città italiana per l’occupazione femminile: il 65% delle donne residenti in città, tra i 20 e i 64 anni, ha un lavoro. Una percentuale che colloca il capoluogo lombardo ai livelli delle capitali del nord Europa, da sempre additate a modello di progresso ed emancipazione: Helsinsky 74,8%, Parigi 69,9%, Copenaghen 69,5%, Berlino 67,6%. In questa speciale classifica, Milano si è anche tolta lo sfizio di superare Londra (60,4%).

Il mercato del lavoro milanese in un’ottica di genere’ è stato presentato dall’assessore alle Politiche per il Lavoro del Comune di Milano. La ricerca è stata condotta su oltre 421 mila donne. Sono tre le categorie individuate: le donne lavoratrici ‘professionals’ (36% del totale), composto prevalentemente da giovani-adulte, per la quasi totalità italiane e dipendenti. Si tratta di donne laureate che svolgono lavori specializzati. Le ‘unskilled’ (17%), costituita in prevalenza da mature, straniere e operaie che svolgono i lavori non qualificati, soprattutto nei servizi alla persona e nelle imprese di pulizia degli uffici, infine le ‘diplomate’ che costituiscono il cluster più numeroso (47%), composto prevalentemente da mature, da italiane e da impiegate.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavoro: a Milano 65% donne occupate, primato italiano