Lavorare in Nuova Zelanda: documenti e informazioni utili

Tutti i documenti necessari per lasciare il Bel Paese e trasferirsi in Nuova Zelanda

Lasciare il proprio paese e andare a vivere in un luogo del tutto nuovo può spaventare, soprattutto se non si sa bene come organizzarsi sul piano burocratico. Trasferirsi in Nuova Zelanda è più facile di quanto non si creda, basta capire quali sono i documenti richiesti e il gioco è fatto.

Andare in Nuova Zelanda è possibile per un periodo non superiore ai tre mesi, anche senza visto se si è cittadini italiani e si dimostra di possedere un biglietto per uscire dal paese entro il tempo limite.
Se si vuole studiare in Nuova Zelanda per un periodo superiore ai tre mesi, è necessario un visto studente. Per ottenerlo servono:

  • un passaporto valido
  • la prova di potersi mantenere economicamente
  • rispettare i requisiti penali
  • sapere l’inglese
  • un’offerta di studio da un istituto neozelandese
  • la garanzia di lasciare il paese alla fine del corso

Se si desidera unire una vacanza alla ricerca di un lavoro stagionale, è possibile chiedere un visto lavorativo “Working Holiday“, valido per 12 mesi e convertibile in caso di necessità in visto di studio o visto di residenza. Basta dimostrare di avere risorse economiche sufficienti ad acquistare un biglietto per lasciare il paese e possedere un’assicurazione sanitaria valida per tutta la permanenza.

I visti di lavoro sono di due tipi:

  • temporaneo si ottiene quando si riceve un’offerta di lavoro in Nuova Zelanda e basta comunicare all’ufficio immigrazione tutti i dettagli del contratto per ottenere il visto
  • Se invece si viene assunti a tempo indeterminato, nel momento in cui si firma il contratto il visto di lavoro scatta automaticamente e si può restare nel paese.

Per chi desidera cambiare vita in Nuova Zelanda è necessario il visto di residenza, che permette di restare per sempre nel paese. Per ottenerlo si devono dimostrare le General Skills Category (età, competenze ecc…), le Business Category (se si desidera investire denaro) e le Family Category (coniugati con cittadini neozelandesi ecc…).

Leggi anche: 
Lavorare in Francia: guida e consigli
Lavorare in Australia: la guida per chi deve trasferirsi
Lavorare in Belgio: regole per un primo approccio
Lavorare negli Usa: come realizzare il sogno americano in 5 mosse
Lavorare in Cina: ecco quello che serve
Lavorare in Spagna: tutto quello che serve sapere 

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Lavorare in Nuova Zelanda: documenti e informazioni utili