La Uil difende la cassa integrazione: “Salvaguardati 172 mila posti lavoro”

(Teleborsa) – La Uil torna in campo a difesa della cassa integrazione, affermando che nel 2017 ha salvaguardato 172 mila posti di lavoro, con una potenziale perdita di 112 mila posti di lavoro rispetto all’anno precedente. 

La continua riduzione delle ore “autorizzate” ha fatto ridurre del 39% le ore richieste di cassa integrazione rispetto al 2016, mentre si registra una brusca riduzione delle ore di cassa integrazione straordinaria (-43,2%), che nell’anno raggiungono un totale di oltre 218 milioni di ore, di cui il 52,8% con causale “solidarietà”. 

A preoccupare la Uil è quest’ultimo numero, che risulta in crescita del 150% rispetto al 2008, ma a confermare il persistente “malessere” del sistema c’è anche l’aumento delle domande di disoccupazione, che si confronta con la diminuzione che ha caratterizzato il triennio precedente.   

“Ci domandiamo, quindi, se la flessione della cassa integrazione, che potrebbe essere considerato elemento positivo, coniugata però all’aumento delle domande di disoccupazione abbia una ragion d’essere anche nella recente e stringente riforma degli ammortizzatori sociali (minore durata, maggior costo per le imprese, riduzione delle casistiche “autorizzabili”) e se, quindi si possa interpretare la riduzione della cassa integrazione solo in senso di risalita, lenta e ancora insufficiente, del sistema economico produttivo”, commenta Guglielmo Loy – Segretario Confederale UIL.

La Uil difende la cassa integrazione: “Salvaguardati 172 mila po...