Jobs Act, Poletti: “Se si va al voto in primavera si evita referendum sul lavoro”

(Teleborsa) – Il rischio che il referendum per l’abolizione del Jobs Act proposto dalla CGIL, possa esser fatto prima che gli italiani vadano alle urne fa discutere.

La paura infatti è che la consultazione popolare possa rappresentare un’ulteriore smacco nei confronti del PD che ha già ha incassato il  “NO” sul referendum costituzionale.

Il Ministro del Lavoro Poletti sembra aver trovato la sua soluzione.”Se si vota prima del referendum il problema non si pone”, spiega Poletti  che ribadisce “se si va al voto in primavera si evita il rischio referendum sul lavoro”.

L’ipotesi di elezioni prima di indire la consultazione sul Jobs Act dunque eviterebbe ogni rischio di eliminare un’altra riforma del Governo Renzi.

Pronta la replica di Susanna Camusso che ha affermato:”rinviare il referendum significa non avere coraggio”. Il numero uno della CGIL ha motivato il suo pensiero affermando: “Vale il merito e non la data”.

Secondo il Leader della CGIL, far slittare il referendum significa: “non avere il coraggio di affrontare i problemi. Se la politica discute solo di calendario, mi pare che venga meno al suo ruolo”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Jobs Act, Poletti: “Se si va al voto in primavera si evita refer...