Itabus, partono i pullman a lunga percorrenza: nuovi posti di lavoro

Il nuovo operatore su gomma a lunga percorrenza e con tariffe lowcost debutterà il 27 maggio

Non solo la domanda e i grandi spazi di manovra lasciati dai pochi attori nel settore, ma anche l’esigenza di collegamenti su tratte isolate delle parti più remote del Paese. Sono alcuni dei presupposti per la partenza dei pullman di Itabus, il nuovo operatore su gomma a lunga percorrenza che prevede a regime 350 collegamenti e la creazione di circa mille posti di lavoro.

Itabus, partono i pullman a lunga percorrenza: biglietti e tratte

Da Salerno in giù, dove l’alta velocità in Italia cessa di esistere, Itabus avrà la possibilità di ritagliarsi una fetta di mercato con tariffe lowcost per rispondere all’esigenza di studenti, giovani o immigrati, categorie che possono avere più tempo da dedicare al viaggio e minori possibilità di spesa.

I biglietti sono già in vendita tramite il sito, l’app, nelle tabaccherie e nei punti vendita dedicati in stazioni, porti, aeroporti: Roma-Napoli ad esempio parte da 1,99 euro, la Roma-Firenze, con fermata intermedia a Siena, 4,90 euro.

Le tratte saranno attive a partire dal prossimo 27 maggio e collegheranno il Paese da Nord a Sud, dal Tirreno all’Adriatico, con la partenza di 300 mezzi in leasing, grazie al supporto di Intesa Sanpaolo, dalla Mann, gruppo Volkswagen.

Alcuni deivcollegamenti, coperti anche di notte, saranno ad esempio: Roma-Reggio Calabria; Roma-Genova; Roma-Lecce; Milano-Bari; Napoli-Rimini; Roma-Matera; Napoli-Bergamo

Saranno bus bipiano da oltre 50 posti, guidati da due autisti che si alterneranno alla guida, con wi-fi con tecnologia Lte e router 5g a bordo grazie al supporto di Tim e inoltre l’accesso simultaneo per tutti i passeggeri anche ai servizi streaming di Netflix ed Amazon Prime.

Itabus, partono i pullman a lunga percorrenza: il progetto

Un progetto imprenditoriale ideato da Flavio Cattaneo, azionista di maggioranza con il 30% delle quote, che si ispira alla compagnia ferroviaria Italo-Ntv, tanto da presentare quasi gli stessi soci: Luca Cordero di Montezemolo, la famiglia Seragnoli e Gianni Punzo. Lo stesso Cattaneo, è stato dal 2015 al 2016 amministratore delegato di Ntv.

Amministratori delegati saranno Enrico Zampone e Francesco Fiore, mentre la poresidente è Elisabetta Colacchia e Giovanni Punzo presidente onorario.

Per il periodo 2021-2025 l’iniziativa prevede un investimento di 200 milioni di euro e il rinnovamento della flotta ogni due anni.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Itabus, partono i pullman a lunga percorrenza: nuovi posti di lavoro