Inps, basta code. Da gennaio i servizi vanno online

Anche i burosauri si evolvono. Dal prossimo anno un'ampia gamma di pratiche previdenziali sbarcano sul web

Per molti Inps significa cumuli di scartoffie, comunicazioni impossibili, code interminabili agli sportelli. Insomma burocrazia ai massimi livelli. Ma l’ente previdenziale non vuole arrendersi a questa immagine e da diverso tempo sta cercando la svolta nel rapporto coi cittadini.

Una tappa importante di questo cammino di rinnovamento arriverà il 1° gennaio 2011, data in cui una ventina di servizi erogati dall’Inps potranno essere richiesti attraverso il canale telematico. Lo “sportello on line” si amplia: i cittadini a avranno la possibilità di interagire con l’ente da casa o dall’ufficio, risparmiando tempo e denaro.

Verso l’informatizzazione totale

Ecco i servizi che dal prossimo anno saranno richiesti esclusivamente per via telematica sul sito dell’Inps:

•  la richiesta di disoccupazione ordinaria e agricola,
•  la richiesta di indennità di mobilità ordinaria e  per l’assegno integrativo;
•  l’iscrizione e la richiesta di variazione per la gestione separata (Cococo e simili), i lavoratori dipendenti, i lavoratori domestici e gli agricoli;
•  tutte le tipologie di ricorsi;
•  le certificazioni Ise/Isee;
•  le segnalazioni di variazioni contributive;
•  gli accentramenti contributivi;
•  gli assegni per il nucleo familiare ai lavoratori agricoli e ai disoccupati e in mobilità;
•  le ricostituzioni (supplementi, assegni familiari, documentali, contributive, reddituali);
•  le cure termali;
•  le dichiarazioni di responsabilità dei contribuenti (lavoratori dipendenti e agricoli).

L’obiettivo finale è quello di rendere disponibili in rete il 100% dei servizi Inps.

“Così come accade con tutti i servizi di cui oggi si può disporre – spiega il presidente dell’Istituto, Antonio Mastrapasqua – dalla prenotazione per un treno o un aereo, dalle operazioni di internet banking fino alla programmazione una visita a un museo o una serata al cinema. Nel caso delle richieste all’Inps si tratta di servizi di assoluta necessità e di altissimo interesse: la possibilità di poterne disporre senza doversi scomodare per mettersi allo sportello delle nostre sedi è un grande passo in avanti per l’utenza, oltre che la conferma di quella consolidata vocazione di Inps hi-tech“.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inps, basta code. Da gennaio i servizi vanno online