Inps, meno burocrazia per gli adempimenti

Riscatti, ricongiunzioni e versamenti volontari potranno essere fatti con addebito automatico sul conto corrente

Presto saranno meno complessi gli adempimenti con l’Inps. Il pagamento di riscatti, ricongiunzioni, rendite vitalizie e versamenti volontari potranno essere fatti attraverso addebito sul conto corrente.

Le nuove procedure high-tech partiranno dal 31 maggio, quando il nuovo canale di pagamento (il Rid, il rapporto interbancario diretto) sarà messo effettivamente a disposizione dei circa 160mila cittadini assicurati Inps che pagano riscatti a vario titolo (compreso il riscatto della laurea), che hanno in corso una ricongiunzione, che devono recuperare un periodo passato di lavoro con una rendita vitalizia o che versano contributi volontari.
Naturalmente sul conto corrente non sostituirà i vecchi metodi di pagamento. Ovvero si potrà continuare a effettuare i pagamenti per via telematica o con il tradizionale bollettino.

Nei prossimi giorni, dunque, i potenziali interessati riceveranno dall’Inps le lettere che annunciano la novità. Insieme al testo della comunicazione, i contribuenti riceveranno il modello Rid che dovranno compilare e presentare alla propria banca per autorizzare l’addebito qualora volessero servirsi del nuovo servizio.
Ricevuta dalla banca l’autorizzazione a effettuare gli addebiti sul conto corrente, l’Inps provvederà a comunicare al contribuente la data d’inizio del servizio e gli importi relativi all’anno in corso. All’inizio di ogni anno, poi, sarà inviata agli interessati una comunicazione relativa agli importi aggiornati per l’anno solare e la certificazione utile ai fini fiscali. In ogni caso, l’addebito potrà essere revocato in qualsiasi momento.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Inps, meno burocrazia per gli adempimenti