In Italia chiudono 390 imprese al giorno. 16 ogni ora

Se la crisi non si fosse mai verificata, il Pil oggi risulterebbe superiore del 15%, ovvero 230 miliardi di euro

In Italia nel 2015 hanno chiuso 390 imprese ogni giorno, 16 all’ora. Oltre 142.000 in tutto l’anno. Segno che la crisi non è finita, in particolare per le Pmi, schiacciate da fisco e burocrazia. È l’allarme di Rete Imprese Italia secondo cui, se la crisi economica non si fosse mai verificata, ad oggi il Pil italiano risulterebbe superiore del 15% – ovvero 230 miliardi di euro in più – rispetto ai livelli attuali.

“Una vera e propria strage – ha osservato il presidente di Rete Imprese- dovuta a una crisi che ha colpito con maggiore durezza la domanda interna, punto di riferimento per gran parte delle Pmi. Che si sono trovate schiacciate tra un mercato interno in stallo e l’aumento del prelievo fiscale, tra il crollo del credito e l’incremento del peso di adempimenti inutili e costosi”.

UN DATO POSITIVO – Nonostante le difficoltà, le micro-imprese con meno di 10 addetti hanno retto il colpo e hanno contribuito a frenare l’emorragia occupazionale dando un impiego a 375mila lavoratori fra il 2011 e il 2015. Le piccolissime imprese hanno rappresentato uno sbocco occupazionale alternativo al lavoro dipendente, impiegando anche un numero crescente di laureati: nel 2015 erano il 25% in più di laureati rispetto al 2007, pari a 530mila posti di lavoro.

IL PESO DEL FISCO – L’analisi osserva che il fisco rappresenta il primo ostacolo per le Pmi italiane. Secondo un’indagine realizzata da Confcommercio in collaborazione con Format Research, per chi è riuscito ad avviare un’impresa le principali difficoltà da superare sono state l’eccessivo livello delle tasse (nel 35% dei casi) e il peso degli adempimenti amministrativi (27%).

Negli ultimi anni, inoltre, il peso del fisco è aumentato in modo considerevole: stando ai dati raccolti da ITWorking elaborati da Confartigianato, nel 2014 le piccole imprese italiane – l’indagine considera un’azienda composta da due lavoratori indipendenti e tre dipendenti a tempo indeterminato con un immobile produttivo di proprietà – hanno pagato complessivamente 70 miliardi di euro di tasse, il 29,5% in più rispetto ai 54,5 miliardi del 2011.

In Italia chiudono 390 imprese al giorno. 16 ogni ora
In Italia chiudono 390 imprese al giorno. 16 ogni ora