Ilva, trovato l’accordo. Cassa integrazione per 3.300 lavoratori

(Teleborsa) – Si riduce ad un massimo di 3.300 il numero di persone coinvolte con una media di 2500, a rotazione, negli ammortizzatori sociali. E’ il risultato più importante del Tavolo convocato ieri dal Governo sull’Ilva e presieduto dalla Viceministro Bellanova, volto a trovare un accordo tra azienda e parti sociali per poter adesso, e come più volte in questi giorni ribadito “utilizzare tutti gli strumenti disponibili ed esigibili a disposizione”.

Ad essere interessati a rotazione, come indica l’Accordo sottoscritto, i reparti a monte e valle dello stabilimento di Taranto e delle altre unità produttive tra cui Marghera a cui sono destinate le lamiere e coils dello Stabilimento di Taranto.

Grazie alle risorse (24 milioni) già allocate nel Decreto Mezzogiorno, approvato in via definitiva nelle scorse settimane, rimane invariato rispetto al 2016 il trattamento di indennità dei lavoratori, che in questo modo avranno garantito il 70 per cento della retribuzione.

“Un risultato importante e per nulla scontato. In continuità con  l’attenzione messa in campo dal Governo Renzi, abbiamo mantenuto gli impegni assunti nei confronti dei lavoratori. Continueremo a monitorare la situazione con incontri bimestrali dedicati che io stessa presiederò, come ho proposto alle parti”, ha commentato Teresa Bellanova, al termine dell’incontro cui ha partecipato la Direzione competente del Ministero del Lavoro.

Ilva, trovato l’accordo. Cassa integrazione per 3.300 lavoratori
Ilva, trovato l’accordo. Cassa integrazione per 3.300 lavor...