Ilva, continua il braccio di ferro con AM Investco Italy

(Teleborsa) – Continua il braccio di ferro tra gli operai dell’l’Ilva e AM Investco Italy, gruppo formato dalle società ArcelorMittal e Marcegaglia, che ha rilevato  la grande azienda siderurgica finita in crisi negli ultimi anni.

Dopo lo sciopero dei lavoratori dell’acciaieria, a causa dei 4.000 esuberi previsti dal piano di risanamento, si fermano le trattative anche con il Governo. Il previsto incontro di ieri 9 ottobre al Ministero dello Sviluppo Economico è stato disdetto dal ministro Calenda che che ha ritenuto la proposta dell’acquirente irricevibile. 

“Non è solo una questione di esuberi non accettiamo alcun licenziamento ma bisogna pensare anche al piano industriale che deciderà il destino dell’Ilva. Serve un piano di investimenti per il sito di Genova, e soprattutto per il rilancio di Taranto. In questi anni di commissariamento non è stato fatto alcun investimento nella manutenzione degli impianti tarantini, per cui si riparte da molto indietro”, ha affermato il segretario generale della Fim-Cisl Marco Bentivogli in un’intervista su Linkiesta.it.

Dal fronte sindacale arriva anche un nuovo appello al governo. A lanciarlo è l’ex segretario della FIOM Maurizio Landini, che invita il governo ad entrare nella società attraverso CDP.

E mentre l’Esecutivo invita l’Ilva alla coerenza, Aditya Mittal, CFO del gruppo ArcelorMittal, spiega: l’Ilva “ha un grandissimo potenziale perché la sua ubicazione è ideale, è tra le acciaierie in Europa quella che ha una delle posizioni migliori.

L’occasione per Aditya Mittal è stato il suo intervento al forum di Conftrasporto: “La sfida di gestire Ilva non è facile, ma sono giovane e sono qui per rimanere a lungo termine”, ha dichiarato spiegando che l’azienda che il suo gruppo controlla all’85% ” ha sofferto moltissimo negli ultimi anni dal punto di vista della produzione e ha sofferto la comunità per negligenze ambientali, noi vogliamo migliorare queste condizioni”.

L’Ilva è “tra le acciaierie in Europa con la posizione migliore è con “un porto di altissima qualità”, che ha una “connessione marittima diretta con il Porto di Genova è “con un’ubicazione ideale”.

Mittal intende occuparsi “seriamente» di lavoro all’Ilva. Occorre gestire correttamente il rapporto con tutti gli stakeholder”, termine che indica gli azionisti, i fornitori, i dipendenti e i cittadini residenti nel territorio, ha aggiunto. “L’industria dell’acciaio è strategica ed è molto importante per una comunità – ha sottolineato – perché ha un impatto sull’ambiente e sull’occupazione molto rilevante e noi ci prendiamo questa responsabilità molto seriamente”.

Ilva, continua il braccio di ferro con AM Investco Italy
Ilva, continua il braccio di ferro con AM Investco Italy