Governo, esplode la “bomba” Iva: Tria fa infuriare Di Maio e Salvini

"Con questo governo non ci sarà nessun aumento", fanno sapere i due Vicepremier

L’aumento dell’Iva e delle accise è confermato “in attesa di definire nei prossimi mesi misure alternative” per disinnescarlo.

Queste le parole del Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, pronunciate nella giornata di ieri durante l’audizione sul Def davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato che hanno riacceso i toni del dibattito politico all’interno della maggioranza.

E’ arrivato subito infatti lo stop dei due vicepremier che hanno alzato il muro nei confronti del Titolare del Dicastero di Via XX Settembre.

Luigi Di Maio non ha dubbi: “Con questo governo non ci sarà nessun aumento, sia chiaro”. E la pensa allo stesso modo anche il collega di sponda leghista Matteo Salvini che si affretta a precisare: “L’Iva non aumenterà, punto. Questo è l’impegno della Lega”.

MURO DI SALVINI E DI MAIO – “Siamo al governo per abbassare le tasse, non per aumentarle come hanno fatto gli altri governi”, ha sottolineato il ministro dell’Interno.

“Finché il M5s sarà al governo non ci sarà nessun aumento dell’Iva, al contrario”, ha rincarato la dose il Leader pentastellato, evidenziando che “l’obiettivo è ridurre il carico fiscale su famiglie e imprese. Serve la volontà politica. Noi ce l’abbiamo. Mi auguro che l’abbiano anche gli altri. Fermo restando che ci sono già soluzioni sul tavolo volte ad evitare un aumento”.

TRIA ANCORA NELLA BUFERA – Insomma, ancora una volta il Ministro dell’Economia finisce nel mirino. “Se Tria vuole un aumento dell’Iva può passare al Pd”, tuonano fonti del Movimento. “Per anni il Partito democratico altro non ha fatto che alzare le tasse ai cittadini, mantenendo privilegi medievali come i vitalizi, che noi abbiamo tagliato, e molto altro”.

 

Governo, esplode la “bomba” Iva: Tria fa infuriare Di Maio...