Non solo LinkedIn: Google Hire è il nuovo sito per chi cerca lavoro

Arriva sul mercato una nuova piattaforma che affiancherà il social network "professionale": in cosa consiste

Dove c’è un mercato (anche solo potenziale) in via di sviluppo e che può generare un fatturato molto più che soddisfacente, c’è Google.

Il re indiscusso del web, che ad oggi decreta il posizionamento di un sito in una serp, si fa spazio anche nel mondo del lavoro. Dopo aver annunciato nel giugno del 2018 il suo imminente lancio, Google lancia una piattaforma pensata per fornire un supporto ai recruiter. Si chiama Google Hire e il sito, insieme a tutte le sue funzioni, verrà testato in Canada e nel Regno Unito.

La ricerca del lavoro è un mercato produttivo che vale più di 500 miliardi di dollari l’anno: un piccolo dettaglio che non è passato inosservato agli occhi attenti di un colosso come Google. Negli ultimi anni il social network “professionale” LinkedIn ha preso sempre più piede e grazie alle sue nuove funzionalità, permette di accelerare l’incontro tra domanda e offerta, in modo da selezionare il candidato ideale rispondente ai requisiti ricercati.

La piattaforma social di Microsoft si vedrà affiancare da Google Hire che promette di snellire le pratiche amministrative volte al reclutamento, per far sì che le risorse umane si concentrino sulle relazioni con i candidati.

Grazie all’aggiunta di algoritmi studiati per il caso, questa nuova piattaforma consente di automatizzare molti processi legati alla ricerca del personale, senza contare che supporta l’integrazione con altre piattaforme. Google non poteva mettere da parte i propri servizi oggi fruibili a tutti e in virtù di questo, ha fatto sì che la nuova piattaforma destinata alle risorse umane, potesse integrarsi con la sua Suite che comprende Gmail, Calendar (per segnare con più facilità gli appuntamenti con i candidati), l’applicativo Fogli per mantenere traccia dei candidati e suddividerli per posizione. Ma anche Drive, Hangouts e Documenti.

Google Hire permette anche di creare facilmente annunci di lavoro e di gestire con efficacia le relazioni con i candidati. Consente inoltre di accedere ai report e di effettuare un’analisi veloce durante il processo di reclutamento. Sfruttando dunque tutti i servizi di cui già dispone, Google ha ideato e ora lanciato sul mercato, una piattaforma a facile integrazione e che potrebbe rivoluzionare il processo di selezionamento durante la delicata fase di recruiting. La sfida è aperta.

Non solo LinkedIn: Google Hire è il nuovo sito per chi cerca lav...