Generali punta sulle competenze e annuncia 1150 assunzioni

Presentata la strategia per i prossimi tre anni: Generali Italia punta su assunzioni, tecnologie e competenze

È un annuncio di poche ore fa, fatto da Marco Sesana, country manager di Generali Italia, durante la presentazione della strategia avvenuta in sede, a Mogliano Veneto.

Nei prossimi tre anni, Generali Italia ha l’obiettivo di assumere 1.150 persone e investire 300 milioni di euro. Innovazione, tecnologia e nuovi partner sono le parole d’ordine della strategia presentata, con il grande obiettivo di creare nuove connessioni all’interno dei diversi ambiti di cui il gruppo si occupa.

Attualmente i numeri di Generali Italia sono già ben consolidati: il gruppo conta infatti una raccolta premi di più di 23 miliardi, con un aumento del 4,5% rispetto al 2017. I clienti sono 10 milioni e di questi 1,6 milioni hanno la black box montata sulla loro auto. I dipendenti sono 13 mila, con 440 mila distributori sparsi sul territorio, ma i dati ora a disposizione saranno presto completati dalla pubblicazione del bilancio del Leone di Trieste, che avverà il 14 marzo.

Marco Sesana ha aperto la giornata davanti alla comunità finanziaria, annunciando grandi obiettivi: “Già oggi una famiglia su tre e un’impresa su quattro sono assicurate con noi e in futuro vogliamo continuare a crescere con un’offerta di consulenza e di servizi di nuova generazione nella prevenzione, nel contenimento del rischio e nell’assistenza, diventando Partner di Vita dei nostri clienti”. Tra il pubblico, era presente anche il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Guardando alla strategia presentata, Generali ha definito i propri intenti: utilizzare le migliori tecnologie e competenze nell’ambito dei big data, dell’intelligenza artificiale, dell’automazione e della profilazione dei clienti. Ha già siglato partnership con Fca e con Bmw-Drive Now riguardo all’auto connessa e al car sharing. L’obiettivo è migliorare le soluzioni offerte ai clienti nei diversi settori di competenza, a partire dalla casa e dalla mobilità.

Entro il 2021, l’obiettivo è quello di raddoppiare i clienti connessi, portandoli da 1 a 2,5 milioni e aumentare del 15% la produttività della rete e di dieci punti la soddisfazione dei clienti. Per quanto riguarda l’assicurazione, la società vuole migliorare del 65% i premi “protection” nel settore Vita. Al contrario, nel settore Danni, è il ribilanciamento del portafoglio il grande intento, focalizzando l’impegno sui danni non auto e sulla protezione della persona, con una crescita attesa del 20%. Non è stato dimenticato l’ambito Salute, che nel 2025 registrerà una spesa di 65 miliardi secondo le stime, mentre la smart home è già in crescita.

Generali punta sulle competenze e annuncia 1150 assunzioni