Fornero: licenziamenti più facili anche per i dipendenti pubblici. E’ polemica

Il ministro del Lavoro vuole annullare le disparità tra il pubblico e privato. Ma sul tema dei licenziamenti degli statali i sindacati insorgono

Fermo restando che “quello dei dipendenti pubblici non è un mercato, perché ha regole diverse, qualcosa di simile a ciò che abbiamo fatto per i dipendenti privati, relativamente alla possibilità di licenziare, sia inserito in una delega per i dipendenti pubblici“. E’ l’auspicio il ministro del Welfare Elsa Fornero, espresso in occasione di un incontro con gli studenti della facoltà di Economia dell’Università di Torino, sul tema della riforma del lavoro.
Il ministro ha ricordato che nel Disegno di legge c’è una delega ad intervenire anche nella pubblica amministrazione, dove “non vogliamo difformità di trattamento” e che tale delega è nelle mani del ministro della Funzione pubblica, Patroni Griffi.

Pronta la replica del titolare della Funzione pubblica, che sentendosi chiamato in causa precisa “Il tema dei licenziamenti degli statali è già previsto nel testo predisposto per la legge delega. A questo punto ritengo sia opportuno approfondire alcuni aspetti tecnici in Consiglio dei Ministri”.

Sul tema, deciderà il Cdm, puntualizza Patroni Griffi. Ma intanto le dichiarazioni del ministro hanno scatenato aspre polemiche da parte dei sindacati che hanno attaccato la proposta.
La Cgil alza le barricate e replica: “Un auspicio del genere, espresso per lo più in una fase di gravissima crisi economica, è il segno di come il ministro non abbia chiaro il titolo del suo Ministero: è a capo del dicastero del Lavoro e non certo dei licenziamenti“. Cosi’ il responsabile Settori pubblici della Cgil Nazionale, Michele Gentile.
Sulla stessa linea anche la Cisl, “E’ incomprensibile il furore ideologico del ministro sui dipendenti pubblici – attacca il segretario Raffaele Bonanni – Le norme sui licenziamenti nel settore pubblico ci sono, e sono molto rigide e dettagliate. Non serve alzare polveroni mediatici solo per fomentare divisioni tra lavoratori privati e pubblici. Piuttosto, il ministro si concentri per risolvere il dramma degli esodati”. E la Uil stigmatizza: “L’equiparazione tra pubblico e privato deve esserci sul rinnovo dei contratti”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Fornero: licenziamenti più facili anche per i dipendenti pubblici. E&...