Ferrari, maxi premio fino a 12mila euro a tutti i dipendenti

Nuovo premio di produzione per tutti i 3500 dipendenti in Italia del Cavallino, interinali compresi, per il periodo 2020-2023

Bonus e maxi premio di produzione fino a 12.000 euro. È quanto troveranno in busta paga i 3500 dipendenti in Italia della Ferrari, interinali compresi. Un riconoscimento che “ha una parte economica e normativa senza precedenti nella storia della Ferrari”, come hanno scritto i sindacati in un comunicato congiunto, definendo il nuovo “Accordo Premio di Competitività per gli anni 2020-2023” firmato con l’azienda.

IL BONUS – Il nuovo premio di competitività si inserisce nelle relazioni sindacali normate dal Ccsl (contratto collettivo specifico di lavoro), firmato in questi giorni dai sindacati metalmeccanici Fim Cisl Emilia Centrale, Uilm Uil Modena e Fismic Modena riguarda il periodo 2020-2023 e fa seguito a quello per il quadriennio 2016-2019. Secondo i sindacati, grazie ai risultati di produzione e redditività del primo semestre 2019 superiori rispetto alle previsioni dell’attuale premio, l’azienda riconoscerà un premio extra ai lavoratori legato ai risultati.

Il bonus, che riguarda circa 3.500 lavoratori, nel dettaglio prevede sulla parte salariale anticipi uguali per tutti gli anni di 4.600 euro in tre tranches di cui 2.000 a febbraio 1.300 a giugno e 1.300 a ottobre con saldo ad aprile dell’anno successivo. Il premio complessivo ammonta per ciascun anno a circa 12mila euro.
Le cifre saranno calcolate in base ad alcuni parametri, legati al margine operativo e al numero di presenze (e di assenze) durante l’anno. Ma alla maxi-gratifica in denaro per il 2019 (il premio non include il bonus di Natale che a volte l’azienda elargisce a fine anno come atto di liberalità e che potrebbe comunque decidere di prevedere anche quest’anno) si associano nell’intesa anche nuovi diritti.

CONDIZIONI MIGLIORATIVE – In una nota ufficiale, Ferrari spiega che “l’accordo introduce condizioni migliorative sotto l’aspetto economico e presta una grande attenzione ai temi della formazione, della genitorialità e della sostenibilità. In particolare, fanno sapere i sindacati, il premio stabilisce nuove regole e sostegni per le assenze dovute a malattie lunghe, gravi e per lutti familiari fino al secondo grado. Viene inoltre favorita la genitorialità attraverso la maternità e paternità facoltativa e l’allattamento e aumenta la formazione dei lavoratori, non solo quella professionale, quindi erogata sul luogo di lavoro, ma anche personale per allargare le opportunità di carriera e gli orizzonti culturali. Questo premio è stato possibile perché l’azienda “riconosce che la crescita del suo valore è dovuta soprattutto alla straordinaria competenza, disponibilità e professionalità delle donne e uomini della Ferrari”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ferrari, maxi premio fino a 12mila euro a tutti i dipendenti