Crisi e disoccupazione, pagheranno le donne – Nel 2009, saranno 22 milioni a livello mondiale quelle espulse dal lavoro. Lo dice l’International Labour Organization

Nel 2009, saranno 22 milioni a livello mondiale quelle espulse dal lavoro. Lo dice l'International Labour Organization


All’inizio il flagello si è abbattuto su finanza, assicurazioni ed edilizia, settori tipicamente macho. Poi la crisi ha investito i servizi e il commercio, in cui le donne sono la maggioranza in molte aree del mondo.

Secondo l’International Labour Organization (ILO), nel 2009 un numero di lavoratori compreso tra i 24 e i 52 milioni saranno espulsi dal mondo del lavoro. Di questi, da 10 a 22 milioni saranno donne. Tenendo conto delle differenze nei livelli occupazionali tra generi, si può tranquillamente affermare che le donne sono le vittime predestinate della recessione.

Dati e previsioni sono contenuti nel Global Employment Trends for Women report (GET), secondo cui le cifre della disoccupazione sono destinate ad aumentare con l’aggravarsi della crisi, e che auspica “soluzioni creative” per porre rimedio alle differenze di genere.

Nel 2008 al mondo c’erano 3 miliardi di occupati, di cui 1,2 miliardi erano donne (40,4%). Nel 2009, secondo il documento, il tasso di disoccupazione femminile potrebbe raggiungere il 7,4%,a fronte di un 7% netto per quanto riguarda i maschi.

L’impatto “di genere” della crisi economica colpirà soprattutto l’America Latina e i Caraibi, mentre l’Asia Orientale, le economie in via di sviluppo e gli Stati dell’ex area sovietica dovrebbero soffrire di meno. In queste aree c’era infatti già prima un gap inferiore tra uomini e donne, in termini di livelli occupazionali.

Altre previsioni significative riguardano il “global vulnerable employment rate” (tasso globale di occupazione vulnerabile), cioè la percentuale di lavoratori domestici non retribuiti e di impiegati in proprio. Si ritiene che queste categorie siano più esposte a insicurezza, scarse retribuzioni e bassa produttività. Secondo l’ILO, il tasso passerà dal 50,5 al 54,7% per le donne e dal 47,2 al 51,8 per gli uomini.

Insomma, come dice il direttore generale dell’organizzazione, Juan Somavia, “spesso le donne subiscono più rapidamente le conseguenze negative di un’epoca di turbolenze economiche, mentre beneficiano in ritardo della ripresa. E già prima della crisi, la maggior parte delle donne viveva di economia informale, con retribuzioni e protezione sociale inferiori”.

Le soluzioni, Secondo Somavia, consistono nel parificare l’accesso di uomini e donne ai lavori sostenibili e qualitativi, nonché ampliare la protezione sociale attraverso sussidi di disoccupazione e programmi assicurativi, partendo dal riconoscimento della posizione vulnerabile delle donne sul mercato del lavoro. Si tratta poi di inserire maggiormente la componente femminile nei processi decisionali.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Crisi e disoccupazione, pagheranno le donne – Nel 2009, saranno ...