Disastro sostegno, 10 mila i posti scoperti al Nord

(Teleborsa) – L’anno scolastico parte con il disastro organizzativo compiuto dal MIUR sui docenti di sostegno: la rivista Orizzonte Scuola ha pubblicato i dati parziali delle assunzioni per quest’anno, con posti liberi e percentuali di copertura. Al Nord, le assunzioni sui posti di sostegno sono a dir poco sconfortanti: a fronte di 10.350 posti liberi, gli assunti sono stati appena 452, il 4,4%. Punta negativa sono le scuole medie, dove è stato coperto solo lo 0,2% di posti vacanti. Alla primaria il dato è del 6,9, mentre all’infanzia del 17,6%.

Nel Centro Italia la percentuale sale, ma non troppo. Infatti, i posti coperti da personale immesso in ruolo sono stati il 26,3%, con punta negativa dell’1,6% alle medie. Un po’ diversa risulta la situazione al Sud, con una copertura del 59,6%: la punta negativa risulta sempre alle medie, con il 30,9% di posti coperti. “Nel complesso – conclude la rivista specializzata – su 13.329 posti disponibili (10 mila solo a Nord), i posti di sostegno coperti sono 1.682, appena il 12,6%”.

I dati sconcertanti giungono nonostante lo Stato abbia abilitato a numero chiuso il doppio dei docenti specializzati con il Tirocinio Formativo Attivo (TFA). Sono posti in organico di diritto che si andranno ad aggiungere ai 50 mila posti in deroga previsti a livello nazionale, la metà di quelli richiesti dalle scuole e per i quali il sindacato della scuola Anief ha avviato ricorsi gratuiti per le famiglie al TAR per garantire il diritto allo studio.

Disastro sostegno, 10 mila i posti scoperti al Nord