Dipendenti pubblici, INPS: crollano i giorni di malattia

Con il Polo unico della malattia, 144mila visite fiscali ai dipendenti pubblici, calano i giorni di malattia e i certificati

(Teleborsa) – A dicembre 2016, il numero di lavoratori dipendenti interessati al controllo da parte dell’INPS è stato di 13,2 milioni, di cui 2,8 nel settore pubblico (Polo unico) e 10,4 nel settore privato (assicurati).

Nei primi quattro mesi di gestione del Polo unico della malattia, l’Istituto di Previdenza, registra, inoltre, un deciso decremento del numero di certificati medici dei lavoratori pubblici appartenenti al Polo unico (-13,1%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo stesso andamento si verifica, anche se in modo decisamente meno marcato (-2,1%), per i dipendenti del settore privato.

E’ quanto emerge dal primo Osservatorio statistico sul “Polo unico di tutela della malattia” pubblicato dall’INPS, con lo scopo di monitorare il fenomeno dell’astensione dal lavoro per malattia per i lavoratori dipendenti sia del settore privato che di quello pubblico. L’Osservatorio è stato realizzato prendendo come riferimento i certificati medici inviati dal medico e le visite mediche di controllo effettuate dall’Istituto.

Dal 1° settembre 2017, infatti, è entrato in vigore il Polo unico per le visite fiscali che attribuisce all’INPS la competenza esclusiva a gestire le visite mediche di controllo anche per l’82% dei lavoratori pubblici in malattia. Da questa data, come già avviene per i lavoratori privati assicurati, l’Istituto effettua visite mediche di controllo sia su richiesta delle pubbliche amministrazioni, in qualità di datori di lavoro, sia d’ufficio.

Leggi anche:
Malattia, come cambia la visita fiscale per i dipendenti Pa
Malattia e visite fiscali: orari e nuove regole 2018 
Malattia durante le ferie: ecco quando si possono sospendere
Permessi e visite fiscali per malattia dei figli: come funzionano

 

Dipendenti pubblici, INPS: crollano i giorni di malattia