Decreto Dignità, Boeri: Di Maio ha perso il contatto con la crosta terrestre

(Teleborsa) – Il Decreto Dignità continua a far discutere anche se sembra sia stata raggiunta un’intesa tra M5S e Lega sulle modifiche da apportare al testo.

Si sarebbe trovato un accordo sui voucher, argomento che aveva portato Di Maio e Salvini ad allontanarsi un po’. In particolare sarebbe stato deciso l’ampliamento dell’utilizzo dei voucher in agricoltura e per i settori del turismo e, forse, anche degli enti locali.

Previsti, inoltre, incentivi alle trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti stabili.

Intanto, ieri 19 luglio 2018, il presidente dell’INPS, Tito Boeri, nel corso di un’audizione alla Camera ha difeso a spada tratta la stima degli 8mila posti di lavoro in meno prodotta dall’applicazione del decreto, che aveva fatto tanto discutere.

L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale – ha spiegato Boeri – ha condotto le stime su “dati quasi interamente forniti dal ministero del Lavoro e ha avuto due giorni a disposizione per effettuare le stime, una volta ricevuti i dati dal ministero”.

“Vi sono ampie ragioni, sia teoriche che empiriche, per ritenere che il provvedimento possa avere, almeno inizialmente un impatto negativo sull’occupazione”, ha aggiunto il presidente dell’INPS, specificando che le stime “possono apparire addirittura ottimistiche se si tiene conto che ai lavori in somministrazione vengono estese tutte le restrizioni stabilite dal decreto per i contratti a tempo determinato”.

“Affermare che le relazioni tecniche esprimono un giudizio politico significa perciò perdere sempre più contatto con la crosta terrestre, mettersi in orbite lontane dal nostro pianeta”, ha chiosato Boeri riferendosi allo scontro con Di Maio sui numeri. “Ciò che non posso neanche prendere in considerazione sono le richieste di dimissioni on line e le minacce da parte di chi dovrebbe presiedere alla mia sicurezza personale”.

Decreto Dignità, Boeri: Di Maio ha perso il contatto con la crosta&nb...