Covid, quasi 50mila contagi sul lavoro: chi è più a rischio

Il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne, e l’età media scende a 47 anni. La regione più colpita è la Lombardia

Sono quasi 50mila i contagi da coronavirus sul lavoro denunciati all’Inail al 30 giugno. Lo rileva l’Istituto nel sesto report nazionale integrato dall’analisi aggiornata delle infezioni di origine professionale a livello territoriale, aggiungendo che sono 965 le denunce in più rispetto al monitoraggio precedente del 15 giugno 2020.

I casi mortali da Covid sul lavoro, alla data del 30 giugno, sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over 64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni.

Prendendo in considerazione il totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’Istituto, il rapporto tra i generi si inverte – il 71,6% dei lavoratori contagiati sono donne – e l’età media scende a 47 anni

Dall’analisi territoriale dei casi Covid sul lavoro emerge che più di otto denunce su 10 sono concentrate nell’Italia settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%). Concentrando l’attenzione sui contagi con esito mortale, la percentuale del Nord-Ovest rispetto al totale sale al 58,3%, mentre il Sud, con il 15,1% dei decessi, precede il Nord-Est (13,1%), il Centro (11,9%) e le Isole (1,6%).

La Lombardia è la regione più colpita, con oltre un terzo dei casi denunciati (36,1%) e il 44,8% dei decessi. Nel dettaglio, il 30,2% dei 18.032 contagi sul lavoro denunciati nel territorio lombardo riguardano la provincia di Milano, ma con 32 decessi la provincia di Bergamo conferma il primato negativo per i casi mortali, seguita da Milano (22), Brescia (20) e Cremona (16).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, quasi 50mila contagi sul lavoro: chi è più a rischio