Non solo uno stipendio più alto: ecco cosa cercano i lavoratori italiani

Lavoro: quali sono i desideri degli italiani

Concreti e desiderosi di cambiamenti: ecco in estrema sintesi come sono apparsi i lavoratori che hanno fatto parte del campione oggetto di una recente indagine legata alle future prospettive di lavoro.

Gli italiani hanno i piedi per terra, sono consapevoli dei cambiamenti in atto che stanno rivoluzionando il mondo del lavoro e sanno di dover perfezionare le proprie competenze se vogliono fare un salto di qualità. Ecco cosa ha rivelato la ricerca condotta da Mortar (una società di ricerca) per conto di LinkedIn su 10.000 lavoratori dell’area Emea (circa un migliaio italiani), al fine di comprendere la percezione dei lavoratori relativa alle aspettative di stipendio e di carriera.

Il campione di lavoratori italiani comprendeva addetti al lavoro, manager e professionisti e di questi ben il 90% vorrebbe intraprendere una nuova carriera, mentre l’86% ha espresso il desiderio di aspirare ad un nuovo impiego. E ad esprimersi così sono soprattutto i lavoratori che rientrano nella fascia d’età 24-38 anni.

A fronte di questo desiderio di cambiamento, c’è però la consapevolezza del 54% degli intervistati di non avere tutte le competenze necessarie per una nuova sfida, contro il 37% che invece ritiene di avere tutte le carte in regola per cambiare impiego.

Sulla certezza dell’esistenza del proprio lavoro fra 20 anni invece, il 29% ritiene che la propria posizione subirà diversi cambiamenti, contro il 54% che invece crede che la propria figura professionale resterà invariata anche tra due decenni. Un senso di sicurezza che appartiene a lavoratori giovani, tra i 18 e i 23 anni e ad oggi già impegnati in mansioni che fino a qualche anno fa erano inesistenti.

Resta invariata l’idea di circa il 55% dei professionisti, secondo la quale se si vuole portare a casa uno stipendio più alto, l’ideale è andare all’estero. E considerando il campione analizzato, sono le donne quelle più disposte a varcare i confini nazionali: si tratta di un 56% a fronte del 53% rappresentato dagli uomini.

Veniamo ora a uno degli aspetti più scottanti del lavoro: lo stipendio ed è qui che emerge la nota dolente. Il 14% degli intervistati rivela di aver necessità di un supporto economico da parte della propria famiglia, il 26% ha dichiarato di guadagnare di meno dei propri genitori, mentre il 37% fa notare come un reddito tra i 30.000€ e i 49.000€ consentirebbe di vivere in maniera tranquilla.

Non solo uno stipendio più alto: ecco cosa cercano i lavoratori ...