Cosa accadrebbe se dovessimo bannare le e-mail dal weekend

Non staccare mai dal lavoro non è buono né per la salute né per la qualità delle prestazioni lavorative. E questo è anche colpa delle e-mail

Negli ultimi anni il mondo del lavoro è cambiato in modo radicale. E questo è accaduto soprattutto a causa (o grazie) all’avanzare della tecnologia.

Nuove professioni sono nate, e tanti mestieri o sono scomparsi o si sono evoluti per via di questo nuovo mondo 2.0. Ma ciò che è cambiato è soprattutto l’approccio al lavoro: se un tempo le persone, una volta uscite dall’ufficio, lasciavano sulla scrivania le scartoffie per poi rivederle il lunedì, adesso non è più possibile. Con la crescente e progressiva informatizzazione dei documenti, è possibile consultare le carte in ogni momento. Anche mentre si cena o quando si è sull’autobus. Ma sono soprattutto le e-mail di lavoro a essere diventate una costante a tutte le ore del giorno e della notte. E quindi le persone ricevono messaggi nei momenti più impensabili e, dato che si può rispondere semplicemente grazie a uno smartphone, è come se non staccassero mai la mente dal loro impiego.

Ormai la pratica di mandare e-mail di lavoro nei weekend e nelle ore serali è così diffusa che quasi non ci si fa più caso. Ma è davvero una pratica innocua? Assolutamente no. Secondo quanto riportato dalla BBC, infatti, ricevere costantemente e-mail non permette al cervello di staccare la spina in modo adeguato e godersi il tempo libero. Senza contare che aumenta lo stress e l’ansia. Spesso sono proprio i datori di lavoro a premere affinché i dipendenti siano sempre flessibili e disponibili a esaudire ogni richiesta. La situazione è così sfuggita di mano che in alcuni paesi – come la Francia – sono state adottate leggi che vietano di inviare e-mail di lavoro in orari non consoni.

Pensare costantemente al lavoro e stare sempre sulle spine guardando il cellulare non fa bene né alla salute né alle proprie prestazioni professionali. Questo, infatti, può causare alle persone depressione, ansia e persino malattie coronariche. E ciò ovviamente influenza in modo negativo il rendimento in ufficio: se il cervello non è in grado di riposare, le persone non possono produrre in modo adeguato.

Anche se è difficile, quindi, durante il weekend e la sera disattivate la vostra e-mail di lavoro. Ne va della qualità della vostra vita privata, ma anche del vostro rendimento professionale.

Cosa accadrebbe se dovessimo bannare le e-mail dal weekend