Congedi parentali retroattivi e smart working: ok dal Governo, risorse per 209 milioni

Il Consiglio dei ministri ha dato il via via libera all'anticipo dei congedi parentali. Reintrodotto il diritto allo smart working per chi ha figli sotto i 16 anni.

Il Consiglio dei ministri ha dato il via via libera all’anticipo dei congedi parentali, in relazione alle nuove chiusure determinate dalla stretta Covid e dall’aumento delle zone rosse.

Dal Consiglio dei ministri via libera immediato alle risorse per finanziare i congedi parentali. Questa mattina i presidenti di Regione avevano chiesto al governo contestualità tra nuove restrizioni e aiuti alle famiglie. Il Cdm ha dato loro una risposta precisa e immediata” ha spiegato in un tweet Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie, che aveva sostenuto la proposta avanzata dalla ministra della Famiglia Elena Bonetti.

Il rinnovo dei congedi parentali – anche retroattivi – doveva arrivare con il decreto Sostegno. Il ritardo però nell’approvazione del testo, che era atteso questa settimana ma dovrebbe approdare la settimana prossima in Consiglio dei ministri, avrebbe creato però un buco per le famiglie con figli in età scolastica: da qui la richiesta delle due ministre.

Congedi parentali, le misure approvate

I congedi parentali previsti dal nuovo decreto Covid saranno retroattivi dal 1 gennaio 2021 e saranno retribuiti al 50% per chi ha figli minori di 14 anni, mentre dai 14 ai 16 anni non saranno retribuiti. Fino ai 16 anni dei figli viene reintrodotto il diritto allo smart working.

Arriva anche un bonus baby sitter fino a 100 euro alla settimana per i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari e le forze dell’ordine. Il bonus è alternativo al congedo parentale. Questa specifica misura si aggiungerebbe al bonus baby sitter da 600 euro a sostegno dei genitori lavoratori.

Congedi parentali, stanziati 290 milioni di euro

Ha spiegato la ministra Bonetti: “I congedi parentali, il diritto allo smart working e il bonus baby sitter entrano nel decreto legge che abbiamo appena approvato in Consiglio dei Ministri. Si tratta di 290 milioni di euro per far fronte alle difficoltà delle famiglie. I congedi saranno retroattivi dal 1 gennaio 2021 e retribuiti al 50% sotto i 14 anni. Dai 14 ai 16 saranno usufruibili senza retribuzione. Abbiamo inoltre reintrodotto il diritto allo smart working per chi ha figli sotto i 16 anni. Per i lavoratori autonomi, gli operatori sanitari e le forze dell’ordine abbiamo previsto il bonus baby sitter fino a 100 euro alla settimana. Sono misure necessarie e doverose per sostenere concretamente le famiglie e tutti i bambini e ragazzi del nostro Paese”.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Congedi parentali retroattivi e smart working: ok dal Governo, risorse...