Congedi parentali, le nuove regole sono legge. Cosa cambia

In vigore le norme che riformano il sistema dei permessi sui luoghi di lavoro

Cambiano le regole per congedi, aspettative e permessi. È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – la numero 173 del 27 luglio 2011 – il decreto legislativo che mette ordine alle norme vigenti in materia.
Lo scopo delle nuove regole è quello di rendere meno difficile l’uso dei permessi e, nello stesso tempo, evitarne gli abusi.

Vediamo quali sono le novità.
1) Riconoscimento del diritto al rientro al lavoro anticipato – salvo preavviso di 10 giorni – per le lavoratrici che lo richiedono dopo un aborto o la morte prematura del bambino.

2) La normativa speciale sui riposi, in caso di adozione e affidamento, sarà valida per tutto il primo anno di ingresso del minore in famiglia e non più nel primo anno di via del bambino.

3) Il congedo parentale per i genitori di bambini disabili  potrà essere prolungato. Ma secondo un ordine preciso, per ogni minore con handicap, uno dei due genitori ha il diritto al prolungamento del congedo parentale entro l’ottavo anno di vita del bambino e i genitori di bambini disabili possono fruire alternativamente del congedo (6 mesi per la madre, 7 mesi il padre, u mesi se insieme), in modo continuativo o frazionato per un periodo massimo di tre anni complessivi.

4) Nuove regole per il congedo per l’assistenza a un portatore di handicap grave (articolo 4) che sancisce il diritto, di entrambi i genitori anche adottivi, di fruire dei permessi alternativamente, anche in maniera continuativa nell’ambito del mese fino a un massimo di 2 armi (per ogni genitore) nell’arco dell’intera vita lavorativa. Il permesso vale anche se l’assistito non è un figlio ma un parente (di primo o secondo grado) ma solo nel caso in cui i genitori o il coniuge della persona con handicap abbiano compiuto i 65 anni d’età oppure siano anch’essi affetti da patologie invalidanti o siano deceduti.

5) Nuove regole sui congedi retribuiti per cura dei lavoratori con invalidità (previsti fino a 30 giorni all’anno) e sui congedi straordinari per studio dei dipendenti pubblici ammessi a concorsi per dottorato. Posso essere fruiti una volta solo e il dipendente che interrompe il rapporto di lavoro, nei due anni successivi al periodo di aspettativa, dovrà restituire gli emolumenti percepiti durante il congedo.

Congedi parentali, le nuove regole sono legge. Cosa cambia