Confartigianato, Di Maio: “Lotta alla burocrazia e alla povertà sono priorità Governo”

(Teleborsa) – Il tema della lotta alla burocrazia alle imprese e la lotta alla povertà sono i primi punti di questo governo: si realizzano o si va a casa. Questo il nucleo centrale del discorso del Ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, nel suo intervento all’Assemblea di Confartigianato.

Il Ministro ha spiegato il motivo per cui si sono voluti raggruppare i Ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro sotto un’unica direzione, spiegando che la scelta affonda le radici nella tradizione italiana, fatta di piccole imprese a conduzione familiare, dove le logiche dell’impresa e del lavoro si intrecciano.

Di Maio ha poi parlato della necessità di sviluppare l’economia del Paese ed ha messo l’accento sulle tasse di cui ha parlato diffusamente in più occasioni, affermando: “C’è un punto fondamentale che dobbiamo cambiare: utilizzare le imprese per fare cassa o che lo Stato le utilizzi per fare cassa”.

Di Maio ha parlato anche del decreto dignità che il governo sta mettendo a punto, affermando che spesso le imprese lavorano per la burocrazia e per lo Stato. “Nella lotta alla burocrazia e nella lotta alla povertà si gioca il futuro di questo Paese”, ha ribadito.

“Bisogna togliersi dalla testa che in questo Paese si possa regolare tutto con le leggi”, ha sottolineato il Ministro, scagliandosi contro l’iperproduzione legislativa e la complessità normativa, cui ha dedicato molta parte del suo discorso. Riguardo all’attività legislativa, Di Maio ha proposto di cambiare i regolamenti dell’attività parlamentare facendo sì che all’approvazione di una nuova legge segue l’abrogazione di due o tre leggi vecchie sullo stesso tema.

Fra gli altri temi trattati il suo cavallo di battaglia: i vitalizi e le pensioni d’oro che andranno abolite.

Un cenno anche alle tematiche del lavoro, in particolare l’apprendistato e l’alternanza scuola lavoro. In particolare per l’Impresa 4.0, oltre a eliminare un po’ di burocrazia per l’accesso alle agevolazioni, fondamentale per il funzionamento è maggiore cultura per l’utilizzo di queste macchine. Da qui la necessità del rilancio degli istituti tecnici industriali. spazio, portando alla luce due ordini di problemi: la riduzione della burocrazia e la povertà culturale.

Per quanto riguarda il processo di delocalizzazione, che penalizza le finanze e l’occupazione in Italia, Di Maio ha detto che ogni forma di aiuto statale che finisce nelle casse di una multinazionale che poi delocalizza va restituita. “Restituisca i soldi con gli interessi al 200% oppure da qui non se ne va”, ha detto.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Confartigianato, Di Maio: “Lotta alla burocrazia e alla povertà...