Concorso Polizia Penitenziaria, bando per 120 allievi commissari: come partecipare

La selezione, per soli esami, è aperta ai cittadini italiani in possesso di laurea e di tutti i requisiti richiesti dal bando.

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso per 120 posti di allievi commissari della Polizia Penitenziaria. La selezione, per soli esami, è aperta ai cittadini italiani in possesso di laurea e di tutti i requisiti richiesti dal bando.

I vincitori saranno ammessi ai corsi di formazione di durata biennale presso la Scuola superiore dell’esecuzione penale, finalizzati all’immissione nella carriera di commissari nella Polizia Penitenziaria.

Il termine per inviare la domanda di ammissione scade il 12 agosto 2021. Ecco il bando (che potete trovare qui) e le informazioni utili per candidarsi.

 

Requisiti per l’ammissione al concorso

Per poter accedere al concorso è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • non aver superato i 32 anni di età– Questo limite è elevato, fino a un massimo di tre anni, in relazione all’effettivo servizio militare prestato dai candidati; si prescinde dal limite di età per il personale appartenente al Corpo di polizia penitenziaria che concorre per la riserva di posti;
  • possesso delle qualità morali e di condotta di cui all’articolo 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modificazioni;
  • idoneità fisica, psichica e attitudinale come da decreto del Ministero degli Interni del 30 giugno 2003, n.198, e dei requisiti di cui al decreto del Presidente della Repubblica 17 dicembre 2015, n. 207;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso pubblica amministrazione per insufficiente rendimento;
  • inclusione nell’elettorato politico attivo;
  • non essere stati espulsi dalle Forze Armate o dalle Forze di Polizia né dai corsi di formazione finalizzati all’immissione alle carriere di funzionari della Polizia Penitenziaria;
  • per il personale interno alla Polizia Penitenziaria che concorre sulla base delle riserve di posto: non essere incorsi in pene pecuniarie o altre sanzioni più gravi e non aver riportato, nel triennio precedente, un giudizio complessivo inferiore ad “ottimo”;
  • laurea magistrale o specialistica ad indirizzo giuridico od economico.

 

Concorso Polizia Penitenziaria, le lauree ammesse

Tra le lauree ammesse il bando specifica:

  • classe delle lauree magistrali in giurisprudenza (LMG/01);
  • classe delle lauree magistrali in scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63);
  • classe delle lauree magistrali in scienze dell’economia (LM-56);
  • classe delle lauree magistrali in scienze economico-aziendali (LM-77);
  • classe delle lauree magistrali in scienze della politica (LM-62);
  • classe delle lauree specialistiche in giurisprudenza (22/S);
  • classe delle lauree specialistiche in scienze delle pubbliche amministrazioni (71/S);
  • classe delle lauree specialistiche in scienza dell’economia (64/S);
  • classe delle lauree specialistiche in teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica (102/S);
  • classe delle lauree specialistiche in scienze economico-aziendali (84/S);
  • classe delle lauree specialistiche in scienza della politica (70/S).

Concorso Polizia Penitenziaria: le prove

Il concorso si articola in:

  • prova preliminare, attivata con almeno 1000 partecipanti, consistente in una serie di domande a scelta multipla vertenti sul programma d’esame;
  • 2 prove scritte, consistenti nella redazione di due elaborati, della durata massima di 8 ore ciascuno, su diritto penitenziario, diritto penale e diritto processuale penale con particolare riferimento alle norme concernenti l’attività di polizia giudiziaria;
  • prove di efficienza fisica;
  • accertamenti psico-fisici;
  • accertamenti attitudinali;
  • prova orale, sulle materie delle prove scritte e diritto costituzionale, diritto amministrativo, ordinamento dell’Amministrazione penitenziaria, accertamento della lingua straniera scelta e delle capacità all’uso di apparecchiature e applicazioni informatiche.

Concorso Polizia Penitenziaria, calendario e luogo

Il calendario e il luogo di svolgimento della prima prova verranno pubblicati nella scheda di sintesi del concorso dal 30 settembre 2021.

I vincitori del concorso dovranno frequentare un corso di formazione della durata di 2 anni. Superati gli esami finali, presteranno giuramento e accederanno al tirocinio operativo della durata di altri 2 anni con verifica finale.

Concorso Polizia Penitenziaria, la scadenza

La domanda di partecipazione al concorso va compilata in via telematica sul form che si trova sul sito del Ministero della Giustizia entro il 12 agosto 2021.

Per accedere occorre essere in possesso di Spid. Al termine della compilazione della domanda ogni candidato riceverà il pdf e una ricevuta di invio completa di numero identificativo, data e ora di presentazione. È necessario salvare e stampare questa documentazione per esibirla il giorno della prova.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Concorso Polizia Penitenziaria, bando per 120 allievi commissari: come...