Lavoro e concorsi: bando Aeronautica Militare per 800 posti nel 2019

Vuoi lavorare nell’Aeronautica Militare? Ecco il bando di concorso per 800 posti come VFP1

Buone notizie per i giovani che desiderano lavorare all’interno del corpo dell’Aeronautica Militare.

Il Ministero della Difesa ha pubblicato infatti nella Gazzetta Ufficiale 2019, un nuovo bando di concorso pubblico per l’Aeronautica Militare Italiana per 800 posti come VFP1, ovvero come volontari in ferma prefissata di 1 anno.

L’Aeronautica Militare è una delle quattro forze armate, insieme alla Marina Militare, all’Arma dei Carabinieri e all’Esercito Italiano. Il personale è suddiviso in categorie e ruoli e uno dei primi passi per entrare a far parte di questa grande famiglia e diventare VFP1, è superare un concorso che permetterà in seguito di partecipare al concorso straordinario per VFP4.

Superando le selezioni per il concorso per VFP1, l’aspirante candidato può diventare subacqueo, sommergibilista, operatore di volo, oppure può essere impiegato a bordo e quindi lavorare nel CEMM (Corpo Equipaggi Militari Marittimi) oppure nelle Capitanerie di Porto.

Il bando di concorso indetto dall’Aeronautica Militare mette a disposizione 800 posti come VFP1, di cui 50 sono destinati al settore “incursori” e i restanti 750 a categorie varie. Il reclutamento avverrà nel 2019 e in un unico blocco, ma in due incorporamenti differenti:

  • I incorporamento. È previsto per maggio 2019 e vi rientreranno i primi 400 candidati che risulteranno idonei e che saranno classificati nella graduatoria VFP1 ordinari.
  • II incorporamento. È previsto per settembre 2019 e vi faranno parte i restanti 400 candidati idonei: 350 posti sono per VFP1 ordinari e 50 per il settore “incursori”.

Requisiti di ammissione

Per partecipare al bando di concorso è necessario essere in possesso di specifici requisiti quali:

  • avere un’età compresa tra i 18 e i 25 anni:
  • essere in possesso della licenza media;
  • avere cittadinanza italiana e godere dei diritti civili e politici;
  • non aver ricevuto condanne per delitti non colposi;
  • avere mantenuto una condotta impeccabile;
  • non essere stati destituiti o dispensati da un impiego all’interno della Pubblica Amministrazione;
  • non essere stati sottoposti a misure di prevenzione;
  • non essere un volontario in servizio nelle Forze Armate;
  • non aver assunto comportamenti verso le istituzioni democratiche che non mostrino fedeltà alla Costituzione.

Inoltre, è necessario che l’aspirante candidato dimostri idoneità dal punto di vista psico-attidudinale e che risulti negativo all’abuso di alcol e all’uso – anche solo saltuario – di sostanze stupefacenti e psicotrope a scopo non terapeutico.

Come funziona la fase di reclutamento

Dopo aver presentato la domanda di partecipazione al concorso, una commissione si occuperà della valutazione dei titoli di merito ai fini della formazione della graduatorie. I candidati risultati idonei, saranno chiamati per la fase di accertamento dei requisiti psico-fisici e per lo svolgimento delle prove fisiche e attitudinali. Al termine di ciò, verranno istituite le graduatorie definitive per ogni settore di impiego.

Gli aspiranti candidati potranno presentare la domanda, solo ed esclusivamente, via telematica tramite il portale del Ministero della Difesa, entro e non oltre il 23 novembre 2018.

Lavoro e concorsi: bando Aeronautica Militare per 800 posti nel 2...