Concorsi per diplomati, 201 assunzioni al Comune di Milano: bando, requisiti e domanda

I posti vacanti sono 201 e le assunzioni (a tempo indeterminato) avverranno tramite concorso pubblico

Il Comune di Milano assume, e lo fa tramite un concorso pubblico a cui possono partecipare anche i diplomati. I posti a concorso sono 201 e i vincitori verranno inseriti nell’organico con un contratto a tempo indeterminato come Istruttori dei servizi amministrativi contabili (Categoria C, Posizione Economica 1).

Il bando del concorso, pubblicato in data 31 ottobre 2019, è facilmente consultabile collegandosi al sito del Comune di Milano, accedendo all’apposita sezione “Bandi di Concorso” e cliccando prima al link “selezioni aperte” e poi “concorsi”.

Per poter partecipare al concorso è necessario:

  • essere in possesso della cittadinanza italiana (o di altro stato appartenente all’Ue oppure ancora di paesi terzi secondo le disposizioni contenute nell’art. 38 del D. Lgs. 165/2001);
  • essere maggiorenni;
  • avere il pieno godimento dei diritti civili e politici;
  • non aver riportato condanne penali definitive o provvedimenti definitivi del Tribunale;
  • non essere stati esclusi dall’elettorato passivo e non essere stati destituiti, decaduti, dispensati o licenzianti da un impiego presso la Pubblica Amministrazione;
  • non avere limitazioni psico – fisiche che impediscono il corretto svolgimento del lavoro;
  • avere una regolare posizione nei riguardi degli obblighi militari di leva per i candidati di sesso maschile;
  • essere in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado.

La selezione pubblica avverrà tramite lo svolgimento di alcune specifiche prove, tra cui una prova preselettiva fissata in data giovedì 5 dicembre 2019 per i candidati  dalla lettera “A” alla lettera “L” e e in data venerdì 6 dicembre 2019 per i candidati dalla lettera “M” alla lettera “Z”. In questo caso non esiste una soglia minima di idoneità (il punteggio riportato al test non concorrerà infatti a formare la graduatoria finale di merito). Sarà facoltà della commissione esaminatrice stabilire, prima dello svolgimento della preselettiva, il numero di candidati da ammettere alle prove successive, individuati secondo un ordine decrescente di merito (da chi ha fatto il punteggio più alto a scendere).

Mentre il test preselettivo verterà sulla verifica delle materie oggetto del concorso e delle abilità logico -matematiche e di ragionamento tramite dei quesiti a risposta multipla, le prove d’esame successive saranno così organizzate:

  • Prova scritta, consisterà nello svolgimento di un elaborato e/o nella soluzione di appositi quiz a risposta chiusa su scelta multipla e/o in una serie di quesiti a cui dovrà essere data una risposta sintetica. Tutto verterà sulle materie previste per la prova orale;
  • Prova orale, organizzata tramite un colloquio volto ad accertare le conoscenze del candidato in ordinamento degli enti locali, ordinamento finanziario e contabile del Comune, rapporto di lavoro subordinato nella Pubblica Amministrazione (con particolare riferimento agli enti locali), diritto amministrativo, nozioni di diritto penale, disposizioni in materia di documentazione amministrativa (D.P.R. 455/2000).

Saranno ammessi a sostenere la prova finale i candidati che avranno riportato allo scritto un punteggio non inferiore a 21/30.

Per inviare la domanda, tramite modalità telematiche e corredata di tutti i documenti richiesti dal bando, c’è tempo fino alle ore 12:00 del 29 novembre 2019.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Concorsi per diplomati, 201 assunzioni al Comune di Milano: bando, req...