Malattia, come cambia la visita fiscale: le novità rilasciate dall’INPS

Quali sono le novità introdotte dall'Istituto in materia di "visita fiscale"

Rendere più semplice e immediata la comunicazione riguardo la salute dei propri dipendenti: ecco l’obiettivo delle novità sulla visita fiscale introdotte dall’INPS.

Sul sito dell’Istituto è disponibile infatti una nuova funzionalità che permetterà ai datori di lavoro di consultare gli esiti delle visite fiscali dei lavoratori a loro carico. L’assenza per malattia è regolata dall’Istituto Naazionale della Previdenza Sociale. In caso di malessere dove si rende necessario assentarsi dal lavoro per alcuni giorni, il dipendente dovrà recarsi dal proprio medico curante, il quale – dopo aver accertato le sue condizioni – avrà cura di inviare il certificato all’INPS per via telematica. Allo stesso tempo, il lavoratore ha l’obbligo di avvisare prontamente il proprio datore di lavoro.

Durante l’assenza da lavoro per malattia, il lavoratore ha l’obbligo di essere reperibile e dunque di farsi trovare nel proprio domicilio, nei giorni e nelle fasce orarie delle visite fiscali. In questo caso, un medico inviato dall’Istituto visiterà il lavoratore: questo discorso è valido sia per i dipendenti pubblici che per quelli privati.

Per coloro che non rispettano l’obbligo di reperibilità, è bene ricordare che possono scattare sanzioni, anche molto importanti.

Ed ora con le novità introdotte, il parere del medico legale dell’INPS relativo all’assenza del lavoratore per motivi di malattia, potrà essere consultato online anche da parte del datore di lavoro.

Quali sono le novità relative alla visita fiscale

Filo diretto tra datore di lavoro e dipendente dunque: l’Istituto riduce i tempi e semplifica le comunicazioni introducendo alcune novità. Ad annunciare la nuova funzionalità è lo stesso Istituto: inserendo l’apposito Pin personale, il datore di lavoro potrà accedere agli esiti delle visite fiscali dei suoi dipendenti. Basta andare sulla sezione “Richiesta visite mediche di controllo” e seguire le indicazioni successive.

Questo sistema è funzionale anche per controllare le visite che vengono predisposte dall’Istituto nei confronti del lavoratore.

Non è tutto: il datore di lavoro può scaricare il Pdf sul parere sanitario fornito dall’INPS (cliccando sulla sezione “consulta verbale giustificabilità”) e che giustifica l’assenza del lavoratore se non c’è stata visita fiscale. In questo modo, il dipendente – che prima doveva consegnare obbligatoriamente la copia cartacea – ora non è più tenuto a farlo.

Malattia, come cambia la visita fiscale: le novità rilasciate da...