Cercasi assaggiatori di vino. Posto fisso e diversi benefits

Una startup cerca candidati. Si chiama Wineowine

La passione per il vino è storicamente diffusa nel Belpaese, ancor più nell’ultimo ventennio allorché il paradigma della degustazione è uscito dai circuiti elitari per abbracciare strati sempre più ampli di popolazione. Eppure sono in pochi a farne una vera professione, come i sommelier professionisti, tanto che una startup romana chiamata Wineowine è in cerca di ‘assaggiatori’ in grado di scovare vini non ancora conosciuti, assaggiarli, contattare i produttori e girare il Paese in lungo e in largo a caccia di cantine.

In Italia ci sono quasi 100.000 produttori di vino (dati Istat), di cui il 95% con aziende di dimensioni ridottissime, pur avendo ottimi vini (dati Istat). Wineowine li cerca, li mappa, e mette a disposizione di milioni di clienti potenziali quei prodotti che altrimenti rimarrebbero nel raggio d’azione delle piccole cantine. E’ insomma la startup dei vini d’eccellenza fatti nelle piccole e piccolissime cantine.

“Wineowine sta creando un network di professionisti per girare l’Italia alla ricerca dell’eccellenza, assaggiando il vino direttamente in cantina e scoprendo le gemme vinicole nascoste nei nostri territori” ha raccontato ad Agi Federico De Cerchio, 29 anni, abruzzese di Villamagna e cofondatore dell’azienda insieme a Eros Durante, 32 che insieme all’azienda con De Cerchio condivide anche le origini. “Fin’ora abbiamo sempre visitato i produttori nelle fiere di settore o sono stati loro a contattarci per inviarci una campionatura e farci degustare i loro vini. Vogliamo però fare di più. In questi 3 anni dal lancio di Wineowine ci siamo accorti che molti produttori sono concentrati solo sul prodotto e dedicano tutto per creare dei grandi vini. Poi però non hanno le risorse e le competenze per commercializzarli e farli arrivare al consumatore finale. Così spesso tante eccellenze rimangono invendute in cantina e gli appassionati perdono l’opportunità di assaggiare dei vini meravigliosi”.

Il lavoro prevede quindi la visita presso le aziende agricole italiane per convincere i produttori locali dei vini migliori a diventare partner della start-up, il tutto con la possibilità di portare con sé un’altra persona. Per candidarsi all’offerta non basta essere semplicemente appassionati di vini ma è richiesto un diploma da sommelier o una qualifica da assaggiatore professionista, oltre ad un’esperienza minima di 5 anni nel commercio. Fondamentale la conoscenza della lingua inglese. L’azienda, oltre alla retribuzione stabilita in base all’esperienza del candidato assunto, offre il rimborso delle spese di vitto, alloggio e trasferta. Vengono offerti inoltre una serie di benefits come l’iscrizione gratuita in palestra e un massaggio a settimana.

C’è tempo fino al 30 Aprile 2017 per candidarsi all’offerta, inviando il curriculum vitae all’indirizzo email info@wineowine.com o direttamente sul sito.

Leggi anche:
Il vino italiano è il più amato negli Stati Uniti
Vino, l’Italia si conferma primo produttore mondiale anche quest’anno
Il vino italiano batte la crisi: aumentano occupazione e fatturato. I top seller
Vino: in Vaticano ne bevono il doppio che in Italia

Cercasi assaggiatori di vino. Posto fisso e diversi benefits