Buoni pasto statali: ad agosto si cambia

"Entro i primi giorni di agosto dovrebbe esserci un nuovo fornitore che erogherà i buoni pasto", ha annunciato il ministro per la Pubblica amministrazione Giulia Bongiorno

Una situazione “intollerabile” che necessita di “soluzioni” e “in tempi brevi”. Così il ministro della Pubblica amministrazione, Giulia Bongiorno, aveva definito il caos dei dipendenti pubblici che non possono più utilizzare i loro buoni pasto perché bar, ristoranti e supermercati non accettano più pagamenti con i ticket del gruppo Qui!.

Dopo la disdetta della convenzione con Qui!Group, ora si sta lavorando per risolvere la situazione prima possibile evitando di danneggiare ulteriormente i dipendenti pubblici.

In particolare, “entro i primi giorni di agosto dovrebbe esserci un nuovo fornitore che erogherà i buoni pasto”, ha annunciato la Bongiorno, accogliendo la notizia come “un primo significativo passo in avanti”.

Il caos sui buoni pasto è esploso dopo che la Consip ha annunciato la risoluzione della convenzione con la società Qui!Group “per reiterato, grave e rilevante inadempimento delle obbligazioni contrattuali”. Tra i disservizi contestati al fornitore la mancata spendibilità dei buoni emessi ed il mancato rimborso degli stessi alle imprese esercenti. Da qui la chiusura dell’accordo con il fornitore di Qui!Ticket correndo il rischio di lasciare migliaia di lavoratori senza buoni pasto.

In collaborazione con Adnkronos

Leggi anche:
Statali: buoni pasto a rischio
Perché non sono più accettati i buoni pasto QuiGroup

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Buoni pasto statali: ad agosto si cambia