Briatore contro Reddito di cittadinanza: “Una cazzata”

"Viviamo sempre sulle sussistenze, siamo un Paese che vive di sussistenza, ma per vivere di sussistenza devi pagare, e i soldi non ce l’hanno”, dice l'imprenditore

Mentre i tanti controlli e gli assegni considerati troppo bassi stanno decretando una sorta di fuga dal Reddito di cittadinanza, Flavio Briatore affossa la misura definendola “pura sussistenza” quando non, con espressione colorita, “una cazzata”.

A margine della 69esima assemblea di Federalberghi, afferma che “ci vorrebbero dei contratti stagionali” che permettano agli imprenditori di “sostituirsi al governo. Se il governo dà a un dipendente 700 euro di reddito di cittadinanza per non far niente bisognerebbe – suggerisce – che si desse la possibilità agli imprenditori di pagare la stessa cifra, gestire il lavoratore per aiutarlo a crescere e poi se è bravo assumerlo”. “Viviamo sempre sulle sussistenze, siamo un Paese che vive di sussistenza, ma per vivere di sussistenza devi pagare, e i soldi non ce l’hanno”, dice l’imprenditore.

“La gente ha bisogno di lavorare, i ragazzi vogliono lavorare. Abbiamo un carico fiscale impossibile” aggiunge Briatore che poi, in merito alla proposta sul salario minimo, osserva come sia necessario “creare posti di lavoro prima di dare alla gente tutte queste garanzie, minimo e massimo, che poi disinvogliano anche qualcuno che ha la voglia di fare”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Briatore contro Reddito di cittadinanza: “Una cazzata&#8221...