Bando per assistenti scolastici: 11mila posti a concorso. Come candidarsi

Il MIUR ha pubblicato il bando di concorso per l'internalizzazione del personale che si occupa delle pulizie a scuola

Si preannuncia un periodo molto intenso, per il comparto scolastico italiano. Da un lato ci sarà il maxi concorso per la stabilizzazione dei precari storici (24 mila cattedre a concorso) e per l’assunzione di nuovi insegnanti (più o meno la stessa cifra); dall’altro il rischio, paventato dal sindacato, che a fine anno scolastico ci sia un “maxi esodo” di personale ATA e personale docente che potrebbe mettere a rischio addirittura l’inizio del prossimo anno scolastico.

Ma non finisce qui. Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, infatti, ha appena pubblicato in Gazzetta Ufficiale un bando di concorso per titoli finalizzato all’assunzione a tempo indeterminato del personale delle cooperative e delle aziende che, negli ultimi anni, si è occupato delle pulizie degli ambienti scolastici degli istituti italiani di ogni ordine e grado. I posti a bando sono 11.263 e permetteranno di internalizzare la gran parte, se non tutti, i dipendenti delle società esterne che finora si sono occupate delle pulizie nelle scuole.

Concorso personale pulizie scuole: i requisiti

Per prendere parte al concorso per titoli si dovranno rispettare due requisiti ben precisi:

  • Possesso del diploma di scuola secondaria di primo grado (scuola media), conseguito entro la data di scadenza per la presentazione delle domande di partecipazione al concorso;
  • Aver maturato almeno 10 anni di anzianità nel ruolo all’interno delle scuole statali, anche non continuativi e a partire dal 2000. Il computo è effettuato sull’anno solare ed è possibile effettuare il cumulo di mesi e frazioni di mesi (purché superiori ai 15 giorni) riferiti ad anni solari differenti

Sono considerati motivi di esclusione dal concorso:

  • sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti e regolari con minori, ovvero l’interdizione da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado;
  • destituizione o dispensazione dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o dichiarato decaduto;
  • condanne penali per reati che costituiscono un impedimento all’assunzione presso una pubblica amministrazione;
  • procedimenti penali o procedimenti amministrativi in corso per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione, nonché precedenti penali a proprio carico iscrivibili nel casellario giudiziale.

Concorso personale pulizie scuole: tempi e modalità di presentazione della domanda

La domanda di partecipazione al concorso per il personale delle pulizie dovrà essere presentata entro il 31 dicembre 2019. La presentazione dovrà avvenire unicamente in modalità telematica attraverso l’applicativo “Piattaforma Concorsi e Procedure Selettive” del MIUR (necessario avere un account SPID abilitato) o attraverso il servizio “Istanze online POLIS” (è necessario avere un’utenza specifica abilitata).

Se si opta per la piattaforma ministeriale, sarà sufficiente collegarsi alla pagina del concorso, scorrere il testo e cliccare sul link “Vai alla domanda” a fine pagina e attendere il caricamento della schermata di login. Qui basterà inserire le credenziali SPID per accedere al modulo di presentazione della domanda.

I partecipanti dovranno presentare una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà nella quale specificare le mansioni svolte, i periodi, il luogo di svolgimento delle stesse e le aziende per le quali si è lavorato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bando per assistenti scolastici: 11mila posti a concorso. Come candida...