ArcelorMittal deposita atto recesso, caos nel Governo. Di Maio: “Non accettiamo ricatti” 

Il M5S è diviso sullo scudo penale. I sindacati: non chiudere il confronto 

Dopo dieci giorni incandescenti segnati da una escalation di eventi inaspettati che hanno creato preoccupazione e allarmismo, è arrivata anche la mossa formale: i legali di ArcelorMittal hanno infatti depositato in tribunale l’atto di recesso dal contratto di affitto dell’Ilva di Taranto, con il quale l’azienda franco-indiana prepara il terreno per l’addio alle acciaierie pugliesi.

L’atto di citazione è dunque sul tavolo del Presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi che oggi, mercoledì 13 ottobre, assegnerà il procedimento a una delle due sezioni specializzate in materia di imprese.

“La produzione si sta già fermando, con effetti irreversibili“, lanciano l’allarme i sindacati che chiedono anche in una lettera che il confronto vada comunque avanti. Il governo, intanto, risponde con un ricorso d’urgenza dei commissari dell’ex Ilva contro il recesso.

Cresce, intanto, il pressing attorno al Presidente del Consiglio Conte, tirato per la giacchetta da più parti e chiamato a gestire una grana dagli effetti deflagranti che potrebbero investire il Governo, minandone un equilibrio già precario. Di Maio ci tiene a sottolineare che “da parte del M5s c’è tutto il sostegno all’azione collegiale del governo. In questi casi serve lucidità e grande senso di responsabilità”.

Ma la verità è che tra i Cinquestelle bisogna fare i conti con la fronda barricadera, in particolare dai parlamentari pugliesi, contro l’ipotesi di un nuovo “scudo” penale, rilanciata dal ministro Stefano Patuanelli, che propone una norma ad hoc con scadenza temporale e agganciata a un programma di decarbonizzazione.

Ad oggi, il patron del colosso dell’acciaio Lakshimi Mitta non sembra intenzionato a fare dietrofront e a Palazzo Chigi si lavora senza sosta per evitare di restare col cerino in mano. Il premier prepara l’ultima trattativa in vista di un tavolo che però non è ancora convocato, ma la richiesta a Conte di riportare i Mittal al tavolo è fortissima, e arriva sia dalla politica che dal sindacato.  

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

ArcelorMittal deposita atto recesso, caos nel Governo. Di Maio: &#8220...