L’apprendistato può sostituire l’ultimo anno di scuola

La novità, introdotta dalla commissione Lavoro della Camera, porta a 15 anni l’età per iniziare a lavorare

L’ultimo anno della scuola dell’obbligo si può assolvere anche con l’apprendistato. La commissione Lavoro della Camera ha approvato un emendamento del relatore, Giuliano Cazzola, collegato alla Finanziaria, dove si legge che «l’obbligo di istruzione (oggi fino a 16 anni, n.d.r.) si assolve anche nei percorsi di apprendistato per l’espletamento del diritto dovere di istruzione e formazione».

Di fatto, dunque, si potrà cominciare a lavorare come apprendisti già a 15 anni e questo varrà come se si fosse stati in classe.

Nei giorni scorsi il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, aveva anticipato l’intensione di ampliare la platea nell’ambito dell’apprendistato: «La mia idea è di abbassare l’età del primo impatto con il lavoro, anche con un contratto a causa mista come l’apprendistato», portando l’età di accesso «dai 16 ai 15 anni».

Si allungano invece i tempi per la riforma degli ammortizzatori sociali. La commissione Lavoro della Camera ha approvato un emendamento che punta a dare «tempi congrui», come ha spiegato Cazzola, per il varo dei decreti delegati da parte del governo sulla riforma degli ammortizzatori sociali, i servizi per l’impiego, gli incentivi all’occupazione e l’apprendistato. Per l’attuazione ci vorranno 24 mesi dal via libera a questo provvedimento e non più 36 mesi dall’entrata in vigore della legge 247 del dicembre 2007.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

L’apprendistato può sostituire l’ultimo anno di scuola