Alitalia, piano presentato al MISE. “Errore” su numero aerei lungo raggio

(Teleborsa) – Il Piano industriale Alitalia resta in primo piano in un tavolo “tecnico” al Ministero dello Sviluppo economico, dove sono state fatte delle rettifiche rispetto al numero di aerei a lungo raggio che la compagnia ha intenzione di introdurre: saranno 14 e non 8 i nuovi velivoli inseriti nella flotta entro il 2021.

Dell’errore si è fatto carico l’advisor Roland Berger, presente al tavolo, parlando di un “errore di battitura”. Ne consegue che saranno introdotti 1 aereo nel 2017, 1 nel 2018, 3 nel 2019, 7 nel 2020 e 2 nel 2021.

Il numero uno di Alitalia, Cramer Ball, ha parlato di incontro “molto costruttivo” affermando che “è necessario e fondamentale trovare un accordo” fra azienda e parti sociali.

Grande scetticismo è stato però espresso dai sindacalisti. Il segretario della Filt Cgil, Nino Cortorillo, ha affermato: “Strano piano industriale, dove aumentano le macchine di lungo raggio ma non diminuiscono i licenziamenti”. Il segretario della Uil, Carmelo Barbagallo, ha parlato invece di un “piano di taglio e cucito”, aggiungendo che “bisogna parlare di tagli alle spese e non di esuberi e di tagli agli stipendi”.
Il punto sul piano del vettore aereo tricolore sarà fatto domani in un incontro fra governo e sindacati, dove saranno presenti esponenti della sindacati generali Cgil, Cisl, Uil e Ugl.

Sul caso Alitalia è intervenuto anche il Presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, parlando dell’uso dei soldi pubblici in un paese ad alto debito e dell’opportunità di continuare a sanare le “emergenze” piuttosto che usare una visione di lungo periodo nel pianificare gli investimenti.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Alitalia, piano presentato al MISE. “Errore” su numero aer...