Aldi arriva in Italia: un discount da 1500 posti di lavoro

Con un fatturato di 95 milioni di euro, la multinazionale tedesca Aldi sbarca in Italia: l'1 marzo l'apertura dei primi discount, che occuperano 880 persone.

Da oggi, gli italiani hanno un indirizzo in più in cui fare la spesa. E il suo nome risponde ad Aldi. Dall’inugurazione del primo punto vendita, nel 1913, il colosso tedesco ha aperto 9.000 indirizzi in 18 Paesi ed è ora sbarcato anche nel Belpaese. Per il momento saranno 10 i negozi che – nel mese di marzo – saranno inaugurati in Lombardia e nel Nord-Est ma, entro la fine del 2018, la promessa è di 45 supermercati in tutto il Nord Italia. Con la conseguente creazione di molti posti di lavoro.

Aldi, che è una vera e propria multinazionale (con un fatturato di 95 miliardi di euro, contro i 13 della Coop, leader italiana), ha infatti assunto per il momento 880 lavoratori in Italia, con l’obiettivo di raggiungere nei prossimi mesi i 1.500. L’età media dei neoassunti? 34 anni, retribuiti secondo il contratto nazionale di categoria. Ma la notizia positiva riguarda anche i consumatori: Aldi promette infatti alta qualità a prezzi bassi, per prodotti collocati ordinatamente negli store. Punti vendita ordinati, intuitivi, che rispondono al modello di efficienza tedesca e che rompono un po’ gli schemi del discount tradizionale.

Come spiegato dai manager del gruppo, il mercato italiano è stato studiato in modo approfondito prima di decidere per un investimento tanto ingente. Ci sono voluti ben due anni, prima di dare il via alla costruzione dei primi supermercati. Il motivo? L’Italia è un Paese dall’importantissima tradizione eno-gastronomica, e i consumatori si aspettano un’offerta che sia adeguata a quella cultura. Così, il motto “dal campo al carrello della spesa” in Italia si fa ancora più sentito. E gli italiani potranno trovare sugli scaffali molte eccellenze nostrane.

Come saranno i supermercati Aldi? Avranno superfici ampie, di 1000 / 1500 metri quadrati. E il 75% dei prodotti che venderanno saranno frutto di accordi con produttori nazionali. Le prime aperture avveranno l’1 marzo, coi tre big del discount – Eurospin, Lidl e Ld-Md – a osservare da vicino. Queste le prime città interessate: Piacenza, Rovereto, Trento, Peschiera del Garda, Bagnolo Mella, Curno, Cantù, Castellanza.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Aldi arriva in Italia: un discount da 1500 posti di lavoro