Agenti Marittimi, rinnovato il contratto collettivo nazionale del lavoro

(Teleborsa) – Dopo una faticosa trattativa è stato rinnovato il contratto nazionale dei dipendenti degli Agenti Marittimi, prima della sua scadenza naturale. E’ quanto annunciano Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti dichiarando che si tratta di “un risultato importante che vede un aumento retributivo complessivo di 102.00 euro, suddiviso in tre tranche annuali di euro 34.00, a partire dal primo marzo di ogni anno di vigenza contrattuale. È stato anche incrementato al 4% il valore dell’elemento di garanzia per chi non esercita il secondo livello di contrattazione”.

“Al secondo livello, la cui data di rinnovo è entro il 30 giugno 2019, sono state aggiunte materie di natura premiale – precisano i sindacati –  ed eventuali quote aggiuntive da destinare alla previdenza complementare oltre che al welfare”.

“Infine, è stata costituita una commissione paritetica bilaterale alla quale sono stati demandati importanti approfondimenti tra i quali la stesura degli articoli contrattuali ed il welfare e sono stati compiuti importanti passi in avanti per quel che riguarda la differenza di genere, con il recepimento dell’accordo interconfederale sulle molestie ed un complessivo miglioramento su diversi titoli contrattuali, quali congedi matrimoniali, introducendo una settimana aggiuntiva, part-time e permessi per la formazione”.

Agenti Marittimi, rinnovato il contratto collettivo nazionale del lavoro
Agenti Marittimi, rinnovato il contratto collettivo nazionale del ...