Vaccino Covid, parte la sperimentazione di AstraZeneca sui bambini

La multinazionale anglo-svedese ha annunciato l'inizio dei test clinici nella fascia d'età tra i 6 e i 17 anni

Il vaccino di AstraZeneca per il Covid-19 sarà testato anche sui bambini. L’annuncio arriva da Andrew Pollard, direttore dell’Oxford Vaccine Group, team dell’Università inglese dove è stato sviluppato il prodotto contro il coronavirus. Il siero verrà somministrato a 300 minori, di anni compresi tra i sei e i 17 anni, per verificarne sicurezza ed efficacia anche in questa fascia d’età. La nuova sperimentazione partirà in Gran Bretagna entro la fine del mese.

Vaccino Covid, parte la sperimentazione di AstraZeneca sui bambini: l’annuncio

“Sebbene la maggior parte dei bambini e dei ragazzi è colpita solo relativamente dal Covid ed è improbabile che si ammali, è importante stabilire la sicurezza e la risposta immunitaria del vaccino per i bambini e i giovani, dato che alcuni di loro potrebbero trarre beneficio dalla vaccinazione”, ha affermato il pediatra a capo della ricerca.

Saranno coinvolti i bambini, gli adolescenti e i loro genitori residenti vicino a uno dei quattro siti inglesi dove verrà condotto lo studio: l’Università di Oxford, il St George’s University Hospital di Londra, l’University Hospital di Southampton e il Bristol Royal Hospital for Children.

Nel nostro Paese la campagna vaccinale non copre i circa 10 milioni di soggetti in età pediatrica sul territorio. In questo senso l’ospedale per bambini Vittore Buzzi di Milano sarà la sede della sperimentazione del vaccino della Janssen, del gruppo Johnson & Johnson, la quale intende sperimentare il prodotto sui minori di 18 anni.

In Italia l’AIFA ha autorizzato il vaccino anti-Covid di AstraZeneca nei soggetti al di sopra dei 55 anni, come da indicazione dell’EMA, anche se in via preferenziale sarà destinato alla popolazione tra i 18 e i 55 anni.

Sull’efficacia nei soggetti sopra i 55 anni, l’Agenzia italiana del farmaco aveva espresso inizialmente delle perplessità perché questa fascia di età era stata scarsamente rappresentata durante le sperimentazioni.

Vaccino Covid, tagli alle forniture: la denuncia di AstraZeneca

Intanto, non si è ancora risolto lo scontro tra AstraZeneca e Commissione europea sul taglio del 75% delle forniture del vaccino.

Nell’annunciare i nuovi test clinici su bambini e adolescenti la casa farmaceutica ha ribadito, che “non vi è attualmente alcuna fornitura, vendita o distribuzione del vaccino al settore privato“.

“Se qualcuno offre vaccini attraverso il settore privato, è probabile si tratti di vaccini contraffatti e come tali vanno segnalati alle autorità competenti” hanno fatto sapere i responsabili dell’azienda.

Per questo hanno comunicato di aver “presentato un esposto ai Nuclei Antisofisticazioni e Sanità (Nas) dei Carabinieri per denunciare ogni tentativo di assicurare forniture al di fuori dei canali governativi ufficiali e di aver prontamente informato di tale esposto le autorità competenti. Nel caso in cui AstraZeneca venisse nuovamente associata ad attività illecite in relazione alla fornitura del vaccino, ci riserveremo di agire legalmente nelle sedi opportune”.

AstraZeneca, hanno sottolineato ancora “è impegnata a supportare un accesso al vaccino ampio, equo e senza profitto per tutta la durata della pandemia e terremo fede al nostro impegno globale nei confronti dei governi e delle organizzazioni sanitarie internazionali”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino Covid, parte la sperimentazione di AstraZeneca sui bambini