Covid, il vaccino europeo viaggia spedito: l’UE acquista 400 milioni di dosi

La Commissione ha definito un accordo con AstraZeneca per acquistare fino a 400 milioni di dosi del vaccino anti-Covid

Continua la corsa al vaccino contro il Covid. Mentre in Italia è quasi partita la sperimentazione del vaccino sviluppato dalla romana ReiThera (finanziato anche dalla Regione Lazio), la Commissiome Europea sta acquistando milioni e milioni di dosi, così da poter avviare il prima possibile la campagna vaccinale anti-Covid non appena la terapia sarà pronta.

E’ di oggi la notizia che la Commissione ha finalizzato l’accordo, già annunciato qualche settimana fa dal ministro Speranza, per l’acquisto di un massimo di 400 milioni di dosi del vaccino che AstraZeneca sta sviluppando a Oxford, nel Regno Unito. Un vaccino, però, che ha il “cuore” italiano: la terapia, infatti, è stata inizialmente sviluppata dalla Irbm di Pomezia, piccola cittadina alle porte di Roma. L’obiettivo, ha affermato la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen, è quello di salvaguardare la salute di tutti i cittadini europei, con una scorta di vaccini sufficienti per tutta la popolazione dell’Unione.

von der Leyen: momento storico per l’Unione

In un comunicato pubblicato sul portale della Commissione Europea, la Presidente von der Leyen sottolinea l’importanza storica della firma dell’accordo. “Anche se nulla è certo – si legge nella nota stampa – sono fiduciosa che questo vaccino ci possa aiutare a sconfiggere il virus una volta per tutte“.

Non solo: l’accordo appena trovato, sostiene la von der Leyen, è la prova che un’Europa unita può raggiungere risultati altrimenti non alla portata dei singoli stati. “Questo vaccino sarà fondamentale nella lotta al Coronavirus ed è la dimostrazione di cosa è possibile fare quando si agisce tutti insieme. Faremo tutto quanto è nelle nostre possibilità per assicurarci che tutti possano avere accesso al vaccino, non solo i cittadini europei”.

Affinché ciò sia possibile, la Commissione Europea ha sottoscritto un accordo preliminare di acquisto (Advance Purchase Agreement) con AstraZeneca, per la fornitura di un massimo di 400 milioni di dosi. Questo consentirà ai Paesi Membri di avere una “corsia preferenziale” nell’accesso al vaccino, mentre l’azienda farmaceutica si è assicurata i fondi di cui ha bisogno per velocizzare lo sviluppo della medicina.

Vaccino anti-Covid: la sperimentazione nel resto del mondo

Ovviamente, la Commissione Europea non è l’unica a muoversi per velocizzare lo sviluppo di un “antidoto” contro il nuovo Coronavirus. La Russia di Putin, ad esempio, ha annunciato di aver terminato la sperimentazione del vaccino contro il SARS-CoV-2, anche se la comunità scientifica internazionale nutre molteplici dubbi sulla sua efficacia.

Donald Trump, invece, spera che i cittadini statunitensi possano avere un vaccino prima del prossimo 4 novembre, data nella quale i cittadini USA si recheranno alle urne per le elezioni presidenziali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, il vaccino europeo viaggia spedito: l’UE acquista 400 mil...