In arrivo tagli agli “stipendi” delle star dello streaming

Nuova suddivisione dei guadagni delle star di Twitch e nuova stretta sul gioco d'azzardo: la piattaforma gestita da Amazon cambia le regole

Brutte notizie per chi si guadagna da vivere creando contenuti in streaming. Twitch è la piattaforma più usata per le dirette – in particolare dai gamer, ma anche da make up artist, cantanti, cosplayer e chef – e ora ha cambiato unilateralmente gli accordi con i suoi iscritti. Che vedranno i loro guadagni ridursi drasticamente, almeno in teoria, visto che il numero uno della compagnia ha rassicurato gli streamer più famosi.

Che nonostante questo stanno abbandonando il sito già da tempo, attirati da nuovi modi di comunicare. Il successo di TikTok e i guadagni promessi dal sito di mini video, infatti, sono decisamente più appetibili a fronte di un impegno decisamente inferiore e della necessità di spendere meno tempo per creare contenuti.

Quanto guadagnano gli streamer su Twitch e cosa cambia adesso

Oggi la maggior parte degli streamer riceve il 50% degli introiti prodotti dalle iscrizioni a pagamento degli utenti. Questo significa che l’altra metà va direttamente a Twitch. Tuttavia per le sottoscrizioni premium, i creator più pagati hanno un contratto che gli garantisce il 70% dei guadagni. Proprio questa spartizione sta per cambiare.

In base alla nuova politica, infatti, gli streamer premium continueranno a tenere il 70% degli introiti solo sui primi 100 mila dollari guadagnati durante un anno. Dopo questa cifra, Twitch terrà la metà.

Il nuovo piano sarà effettivo solo dal 1° giugno 2023 e solo dalla data di rinnovo dei contratti tra la piattaforma e gli streamer. In pratica chi sottoscriverà fino al 31 maggio 2023 un piano premium, potrà tenere il 70% dei guadagni anche oltre i 100 mila dollari per i seguenti 12 mesi.

Dan Clancy, presidente di Twitch, ha spiegato che circa 90 streamer su 100, considerando la mole di denaro che riescono a muovere, non subiranno perdite. Inoltre la nuova suddivisione dei guadagni dalla pubblicità, con il 55% che andrà ai creatori di contenuti, servirà a coprire la differenza per gli streamer più importanti.

Esodo delle star dello streaming dalla piattaforma, ma a Twitch non importa

Twitch, che è ormai entrato nella grande famiglia di Amazon, sembra dunque intenzionato a non rincorrere le celebrità dello streaming, considerando il ruolo di primo piano conquistato nel settore. Da tempo infatti YouTube Gaming, di Google, corteggia gli streamer più importanti. E nell’ultimo periodo ha portato a casa contratti di esclusiva con Ludwig, Myth e LilyPichu. Senza però muovere grandi porzioni di pubblico.

Secondo quanto riporta Streamlabs, gli spettatori sono rimasti ancorati a Twitch. Questi i dati raccolti tra aprile e giugno del 2022.

  • 5,64 miliardi di ore di dirette viste su Twitch.
  • 1,13 miliardi di ore di dirette viste su YouTube Gaming.

Insomma, a Twitch non interessano i grandi nomi, che di fronte a un contratto non conveniente per guadagni oltre i 100 mila dollari potrebbero andare via. Punta piuttosto sulla quantità di iscritti, che tra l’altro possono creare contenuti anche per i concorrenti con molte meno restrizioni rispetto al passato.

Twitch annuncia una nuova stretta sul gioco d’azzardo: cosa cambia

La divisione dei guadagni non è l’unico grande cambiamento di Twitch. Amazon ha infatti deciso di porre una stretta su tutti i contenuti relativi al gioco d’azzardo presenti sulla piattaforma. Dal 18 ottobre sarà proibito lo streaming di siti con giochi d’azzardo che includono slot machine, roulette e giochi di dadi che non forniscono tutele ai consumatori.

Continueranno però a essere consentiti contenuti su siti che trattano di scommesse sportive, poker e fantasport, come il fantacalcio. Attualmente è già vietato condividere link o referral code dei siti di gioco d’azzardo, ma la nuova misura promette un occhio ancora più vigile per proteggere i tanti minori dalla ludopatia.

Vi abbiamo già spiegato qua come funziona Twitch e quanto guadagnano gli streamer italiani. C’è anche chi, per giocare a Fortnite in diretta, guadagna 500 mila dollari al mese. Ve ne abbiamo parlato qua. Se siete interessati a provare Twitch e ricevere tutti i vantaggi di Twitch Games, potete abbonarvi ad Amazon Prime. Qua tutti i prezzi.