Covid, TYME-19: il nuovo trattamento che blocca anche le mutazioni del virus

TYME-19, cosa sappiamo sul nuovo trattamento anti Covid di Tyme Technologies, in approvazione negli Stati Uniti

L’ufficio brevetti degli Stati Uniti ha dato l’ok a Tyme Technologies per procedere con la messa in commercio di un nuovo trattamento anti-COVID: il TYME-19. Ma cosa sappiamo sugli studi effettuati fino ad ora?

TYME-19: il nuovo trattamento anti COVID efficace anche contro le mutazioni del virus

Con un comunicato stampa rilasciato il 3 febbraio 2021, Tyme Technologies, azienda biotecnologica emergente, ha fatto sapere di aver richiesto e ottenuto, da parte dell’ufficio marchi e brevetti americano, l’autorizzazione a procedere con l’uso di TYME-19, un nuovo trattamento contro le infezioni da COVID-19.

Stando a quanto riportato dall’azienda, TYME-19 risulta essere efficace anche contro le mutazioni del virus. A differenza delle terapie immunitarie a cui si fa ricorso oggi, che dipendono dalla struttura del mantello virale esterno del virus, TYME-19 si configura infatti come un “farmaco agnostico“, ovvero un farmaco cui impiego non è ristretto ad una specifica forma di virus, ma legato alla presenza di una alterazione molecolare, indipendente dall’organo di origine.

Come annunciato da Tyme Technologies, pare che: “TYME-19 influenza il metabolismo cellulare, limita la replicazione virale dopo che un virus ha inserito il suo modello genetico in una cellula infetta e inibisce la capacità dello stesso di utilizzare l’apparato sintetico delle cellule per produrre proteine ​​virali e lipidi. Di conseguenza, si può ritenere che TYME-19 diminuisca la capacità di COVID-19 di dirottare una cellula infetta. TYME intende avviare gli studi clinici appropriati per dimostrare la sicurezza e l’efficacia di TYME-19”.

Tyme Technologies, cosa sappiamo sulla società che ha annunciato il nuovo trattamento anti-COVID

Tyme Technologies è specializzata sullo sviluppo di trattamenti per tumori avanzati attraverso terapie chiamate CMBT, basate sul metabolismo del cancro. Tuttavia, con lo scoppio della pandemia, la società ha concentrato le sue risorse sullo sviluppo di cure in grado di aiutare a combattere l’infezione da COVID-19.

La società sviluppa terapie antitumorali destinate ad essere ampiamente efficaci su tutti i tipi di tumore con bassi profili di tossicità. A differenza delle terapie mirate che tentano di regolare mutazioni specifiche all’interno del cancro, questo approccio terapeutico è progettato per sfruttare le debolezze metaboliche innate di una cellula tumorale per comprometterne le difese, portando alla morte cellulare a causa dello stress ossidativo e dell’esposizione al sistema immunitario naturale del corpo.

Con lo sviluppo di TYME-18 e TYME-19, Tyme Technologies, dopo le potenziali terapie contro il cancro, si appresta ora a diventare società leader nello sviluppo di acidi biliari anche contro il COVID-19.

Tutto su TYME-19: cos’è e come funziona

TYME-19, che è ancora un composto sperimentale, è un membro sintetico orale della famiglia degli acidi biliari che l’azienda utilizza anche nel suo composto antitumorale, il TYME-18.

Grazie alla sua esperienza nelle terapie metaboliche, la società produttrice è stata in grado di identificare TYME-19 come un acido biliare antivirale potente e ben caratterizzato, che ha poi usato in esperimenti preclinici mirati a stabilire la sua efficacia contro il Sars Cov 2.

“Gli acidi biliari sono stati utilizzati principalmente per le malattie del fegato, tuttavia, come tutti gli steroidi, sono molecole messaggere che modulano una serie di diversi regolatori cellulari critici. Gli acidi biliari modulano quindi il metabolismo dei lipidi e del glucosio e possono rimediare al ripiegamento proteico disregolato, con effetti potenzialmente terapeutici sui sistemi cardiovascolare, neurologico, immunitario e altri sistemi metabolici. Alcuni agenti di questa classe hanno anche proprietà antivirali. Nei test preclinici, TYME-19 ha ripetutamente impedito la replicazione virale di COVID-19 senza citotossicità attribuibile alle cellule trattate. Precedenti ricerche precliniche hanno anche dimostrato che acidi biliari selezionati come TYME-19 hanno avuto un’ampia attività antivirale”, ha spiegato Tyme Technologies nel suo comunicato.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, TYME-19: il nuovo trattamento che blocca anche le mutazioni del...