Covid, un cocktail di farmaci “inaspettati” ferma il coronavirus: come funziona

La ricerca contro il Covid prende in considerazione medicinali già utilizzati per altre patologie che, se usati in combinazione, potrebbero fermare la replicazione del coronavirus

Con la pandemia di Sars-Cov-2 ancora in piena diffusione nonostante l’accelerazione sui vaccini anti Covid, è di prioritario interesse per la comunita medica e scientifica lo studio di terapie efficaci. Oltre a velocizzare i processi di ricerca per nuovi farmaci, alcune équipe stanno verificando gli effetti sui sintomi del coronavirus di alcuni medicinali utilizzati per altre patologie. Tra queste un gruppo di esperti dell’Università di Münster, in Germania, che hanno reso noti sul British Journal of Pharmacology i risultati di un lavoro in preprint condotto in affiliazione con l’Università di Helsinki.

Covid, cura con un cocktail di farmaci “inaspettati”: uno è il Prozac

I ricercatori hanno effettuato dei test su colture di cellule in vitro riguardo il potenziale antivirale di due farmaci inaspettati, ovvero un antimicotico e un antidepressivo, rispettivamente l’itraconazolo e la fluoxetina, conosciuti anche con i nomi commerciali di Sporanox e Prozac. Ne hanno valutato l’efficacia sulla replicazione delle particelle di Sars-Cov-2 anche in combinazione con il remdesivir, antivirale comunemente utilizzato come terapia anti Covid per la sua capacità di inibire la Rna polimerasi.

Secondo quanto è emerso durante lo studio, i trattamenti sono stati tollerati in maniera efficiente dalle cellule in vitro, e avrebbero impedito la replicazione del coronavirus. Sia l’azione combinata di itraconazolo e remdesivir che quella di fluoxetina e remdesivir avrebbero mostrato effetti inibitori sulla produzione di particelle di Sars-Cov-2 con un’efficacia superiore al 90%, mostrando effetti sinergici già determinati dai modelli di riferimento per l’interazione tra questi farmaci.

Covid, cura con un cocktail di farmaci: saranno necessari nuovi studi

Serviranno ulteriori ricerche ed esperimenti sugli esseri umani per capire in che modo questi medicinali potranno essere utilizzati in sicurezza contro la pandemia di Covid, ma le conclusioni degli esperti sottolineano che i trattamenti con il fungicida e lo psicofarmaco insieme al remdesivir potrebbero offrire maggiori possibilità di inibire la replicazione del coronavirus, fermando gli effetti maligni sull’organismo e la risposta del sistema immunitario, spesso pericolosa quanto il patogeno stesso.

Il potente cocktail di farmaci studiato dalle équipe tedesca e finlandese potrebbe, dopo aver dimostrato la sua efficacia con i trial sull’uomo, diventare una terapia di punta per le persone ospedalizzata a causa del Covid, in particolare nella prima fase dell’infezione, quando è necessario bloccare l’ulteriore replicazione del coronavirus all’interno dell’organismo e la sua trasmissione agli altri prima dell’immunità.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Covid, un cocktail di farmaci “inaspettati” ferma il coron...