Un futuro (sempre più) intelligente: il balzo in avanti dell’AI 

Più 15% nel 2020. La pandemia ha accelerato un processo in atto, ormai irreversibile

L’intelligenza Artificiale ha registrato un balzo del +15% nel 2020 rispetto al 2019, con il comparto trainato dal software per un valore totale di 300 milioni di euro. Lo confermano i dati del report dell’Osservatorio Artificial Intelligence della School of Management del Politecnico di Milano.

L’Italia cresce però a due velocità: le aziende medio-grandi che hanno attivato almeno un progetto di AI nell’anno della pandemia e le medio-piccole che faticano, per budget e cultura, a includere questa tecnologia nei piani di sviluppo. Ma non ci può essere sviluppo e attuazione della Trasformazione Digitale senza utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, oltre ad altre tecnologie essenziali, come il 5G ad esempio e per questo motivo sono state poste le basi per la nascita dell’Istituto Italiano per l’Intelligenza Artificiale, un hub nazionale, fortemente voluto dalle Istituzioni, per coordinare le attività di ricerca.

“La pandemia ha fatto emergere l’esigenza delle aziende di ridisegnare i propri processi, rendendoli digitali.
L’introduzione dell’Intelligenza Artificiale nei progetti di Trasformazione Digitale delle imprese rappresenta un trend in crescita e un fattore chiave per una rapida evoluzione del business”, dice Cristiano Martincigh, Direttore
Commerciale Italia di OverIT SpA.

NON C’E’ SVILUPPO SENZA AI “L’avanzata dell’Artificial Intelligence – prosegue –  è ormai un dato di fatto e, nei prossimi anni, sarà uno dei principali driver per lo sviluppo del nostro Paese in ottica Digital Transformation. Non ci può essere sviluppo senza AI. Non possiamo prescindere da un utilizzo sempre più massiccio di questa tecnologia la quale, inserita in tutti quei processi aziendali che richiedono un supporto decisionale proattivo, garantisce ROI a breve-medio termine, riduzione dei costi aziendali e, soprattutto, aumento esponenziale dell’efficienza produttiva, con conseguente piena soddisfazione dei clienti”. 

AI ED UE, A CHE PUNTO SIAMO? – Intanto, alla fine dello scorso anno, gli euro-deputati hanno approvato una serie di proposte per regolamentare l’uso dell’Intelligenza Artificiale nell’UE e promuovere innovazione, norme etiche e fiducia nella tecnologia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Un futuro (sempre più) intelligente: il balzo in avanti dell’AI...